Spa, Sas, Srl, Snc o Sapa: quale forma giuridica

Forma giuridica
Forma giuridica

La scelta della forma giuridica è una delle più importanti fasi della costituzione e dell'avvio di un’impresa. E’ importante valutare attentamente quale possa essere il profilo giuridico maggiormente attinente al proprio business e occorre farlo con molta cura tenendo conto delle dimensioni dell’azienda o dei soggetti coinvolti nell’attività. Vediamo, quindi, di conoscere la forma giuridica delle imprese individuali, familiari e coniugali nonché delle Spa, Sas, Srl, Snc e Sapa.

La ditta individuale rappresenta la forma giuridica più semplice. La sua costituzione non prevede nessuna formalità: non è necessario presentarsi davanti ad un notaio né versare somme a titolo di capitale sociale. E’ sufficiente aprire la Partita Iva e iscriversi al Registro delle Imprese. La persona fisica dà il nome all’impresa e si fa carico di rischi e oneri. Qualora nell’impresa individuale si ha collaborazione di familiari si parla di impresa familiare o coniugale.

L’impresa familiare si costituisce tramite atto pubblico o scrittura privata autenticata. Possono collaborare il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado. Al titolare non può spettare una quota inferiore al 51%. Obblighi e responsabilità ricadono solo sul titolare. I collaboratori non sono coinvolti nei rischi dell’attività né sono responsabili delle obbligazioni della ditta ma partecipano solo alla spartizione degli utili.

L’impresa coniugale è invece costituita tra moglie e marito. Il reddito è equamente ripartito così come la responsabilità delle obbligazioni. La costituzione dell’azienda non richiede alcuna formalità.

Le costituzione delle società di persone, ossia società a nome collettivo e società in accomandita semplice, avviene con scrittura privata autenticata dal notaio.

Nelle società di capitali, ossia società a responsabilità limitata, società per azioni e società in accomandita per azioni, i soci sono responsabili limitatamente al capitale conferito ad eccezione di quest’ultima in cui i soci accomandatari rispondono solidalmente e illimitatamente per le obbligazioni sociali mentre i soci accomandanti rispondono solo per la quota di capitale sottoscritta. Per le S.r.l. è previsto un capitale minimo di 10.000 euro, con la sola eccezione della società a responabilità limitata semplificata il cui capitale sociale deve essere pari ad almeno un euro e inferiore a 10.000 euro, mentre per S.p.A. e S.a.p.A. il capitale minimo è di 50.000 euro.

Prima di avviare un'impresa è importante avere le idee chiare sulla forma giuridica da adottare. Una forma giuridica sbagliata, infatti, potrebbe rallentare lo sviluppo del business dell'impresa. Per chiarire meglio gli aspetti legati alla formazione e all'avvio di un'impresa consiglio la lettura dell'ebook Fare impresa, il manuale ideale per chi vuole avviare un business di successo.

Articoli correlati

Tags: 

Commenti

Articolo molto chiaro ed esaustivo, grazie.

Aggiungi un commento