Comunicazione PEC prorogata al 30 giugno

PEC
PEC

Slitta al prossimo 30 giugno 2012 il termine ultimo per comunicare il proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) alla Camera di Commercio. A prevederlo è il Decreto Semplificazioni. La scadenza di metà anno dovrebbe essere l’ultima chance che viene offerta alle imprese prima di incorrere in pesanti sanzioni che possono arrivare anche a 1.032 euro.

Tutto ebbe inizio nel 2008 con il DL 185 che rese obbligatorio il possesso della Posta Elettronica Certificata per società e professionisti. La prima scadenza fu fissata al 29 novembre 2011 e chi non comunicava entro tale data il proprio indirizzo PEC sarebbe stato soggetto a sanzioni. Il DL 185/2008 ha previsto, inoltre, per tutte le società costituite dopo il 29 novembre 2008 l’obbligo di indicare la PEC al momento della costituzione.

Il problema è sorto quando i gestori PEC hanno avuto difficoltà a far fronte alle richieste di nuovi indirizzi PEC in prossimità della scadenza. Ecco, allora, la necessità di slittare la scadenza al 31 gennaio e adesso al 30 giugno.

La comunicazione della PEC deve essere effettuata dal legale rappresentante dell’impresa, per via telematica tramite la Comunicazione Unica. La PEC deve essere richiesta ad uno dei gestori abilitati, il cui elenco può essere consultato sul sito DigitPA.

In caso di mancata comunicazione è prevista sanzione amministrativa variabile tra i 103 e i 1.032 euro.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento