Borsa in rosso: male Unicredit, ottimo Juventus

Ftse Mib
Ftse Mib

Ha sofferto parecchio Piazza Affari (-2,6%), la seduta di ieri è stata contrastata per quasi tutte le Borse europee. L’unica a vantare un risultato positivo è stata Parigi, sempre più vicina alla nuova chiamata alle urne per le elezioni presidenziali. Causa del risultato negativo è sicuramente la preoccupazione per l'andamento recessivo dell’economia. In Italia, infatti, la disoccupazione è arrivata al 9,8%, il massimo dal 2004.

A subire maggiormente la morsa delle vendite sono stati prevalentemente i bancari. Banco Popolare ha registrato un calo del 4,9%, Mps del 5,1%, Bper del 5,4%, Bpm del 5,28%, Intesa Sanpaolo del 4,6%, Mediobanca del 2%, Unicredit del 5,6% e Ubi del 7,1%.

Eccellente performance di Rcs Mediagroup che a Piazza Affari ha segnato un incremento di oltre il 10%. Merito della volontà di Diego Della Valle di incrementare la propria quota nel gruppo editoriale.

Ottimi risultati anche per Juventus, in volata (+15,61%) a sole tre giornate dal termine del Campionato, complice la partita di ieri sera contro il Lecce terminata in parità a causa di un errore di Buffon.

In rialzo anche Autogrill dopo la notizia che la società si è aggiudicata la gestione del duty free in Giamaica. La società, attraverso la divisione retail World Duty Free Group, entra in Giamaica, dove si e' aggiudicata la gestione dei duty-free nell'aeroporto internazionale di Sangster, primo scalo dell'isola caraibica per traffico passeggeri. Il titolo chiude con un +0,60%.

Sul fronte valutario, l'euro è scambiato a 1,3151 dollari e a 105,44 yen (106,05). Ancora in calo di oltre l'1% il greggio: il wti quota 105,06 dollari al barile.

A Wall Street oggi sarà una giornata particolarmente importante per via del debutto del fondo di private equity Carlyle Group, che in 25 anni di storia ha costruito un portafoglio di oltre 200 compagnie, 89 fondi, 52 fondi di fondi e 147 miliardi di asset gestiti.

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento