Più facile fare impresa con grant ricerca di Working Capital Accelerator

Fare impresa
Fare impresa

L’avvio di un’impresa è soltanto il risultato finale di un ampio percorso in cui il neo imprenditore dovrà inevitabilmente fare determinate azioni: analizzare i mercati, individuare il core business, ideare un progetto e definire degli obiettivi. Tali azioni potranno divenire concrete solo se corredate da un’intensa attività di ricerca. E’ proprio di questo che vorrei parlarvi poiché da oggi e fino al 30 settembre si potrà approfittare di 20 grant di ricerca da 25.000 euro per progetto di ricerca e di pre-incubazione d’impresa.



Molto spesso mi capita di confrontarmi con persone che affermano di sentirsi scoraggiati nell’aprire un’impresa poiché ritengono di non avere l’idea giusta. L’idea imprenditoriale è di fondamentale importanza poiché è un elemento che contribuisce attivamente alla riuscita ovvero al fallimento dell’impresa stessa. Si parla sempre dell’idea giusta, quella che potrebbe condurre al successo. Se aspettate l’idea giusta seduti su una sedia, questa non arriverà mai. Ma allora come fare? Facendo ricerca. E da oggi, grazie a Working Capital Accelerator, fare ricerca è ancora più facile, poiché vengono messi a disposizione 20 grant di ricerca da 25.000 euro per progetti della durata di dodici mesi.

Working Capital di Telecom Italia è un acceleratore di impresa che investe nelle migliori start up italiane del settore digital, aiutandole a fare il grande passo dall'incubazione al mercato. Già in passato, nelle precedenti tre edizioni, grazie a Working Capital sono stati raggiunti importanti risultati in merito al sostegno di giovani talenti e degli imprenditori italiani. L'invito è rivolto a tutti coloro che fanno o vogliono fare impresa in ambito digital, Internet o green: registratevi al sito di Working Capital, scaricate il kit, proponete la vostra idea, compilate il business plan e caricate il progetto. Attenzione, però, perché tutto questo dovrà avvenire entro il prossimo 30 settembre.

A questo punto Working Capital selezionerà le startup ad alto potenziale e inviterà il team a presentare il proprio progetto di ricerca ad uno dei sei barcamp, luogo in cui si entrerà in contatto con advisor, vc e mentor per discutere del contenuto dei plan. I migliori team emersi dai barcamp parteciperanno a uno dei due workshop intensivi organizzati nel 2012 per ottimizzare al massimo i progetti d'impresa e finalizzare la investment proposal. E’ in questa fase che, dopo il benestare del CDA di Working Capital Accelerator, si potrà ottenere l’investimento.

Possono partecipare al progetto gli imprenditori provvisti di business plan. Coloro che nel 2011 hanno già presentato proposte di ricerca e di progetti d’impresa saranno automaticamente ammessi senza necessità di inviare nuovamente i plan. Se, invece, nel frattempo il progetto di ricerca o d’impresa è stato modificato dovrà essere inviata la versione aggiornata.

Punti di forza del progetto:

  • fare rete tra i protagonisti dell’imprenditoria digitale italiana e le loro competenze anche grazie a mentor di rilievo internazionale;
  • fare formazione sui temi di Internet, del mobile e della digital entrepreneurship;
  • favorire la creazione di partnership e network utili allo sviluppo e all'internazionalizzazione delle start up, in primo luogo attraverso la collaborazione con The Kauffman Fellows Program;
  • investire 2,5 milioni di euro all'anno nel capitale di startup nuove o già esistenti focalizzate sul digitale.

Video sponsorizzato

Articoli correlati

Tags: 

Commenti

Purtroppo tanti i giovani sognano ancora un lavoro a tempo indeterminato. Come scrivo nel mio libro dal titolo Fare impresa è bene che diplomati e laureati comprendano che il posto fisso non esiste più. Oggi è necessario mettersi in gioco e investire su se stessi, credere nelle proprie capacità ed essere propensi al rischio.

Aggiungi un commento