Debutta il programma OMT: Bce acquista obbligazioni dei Paesi in difficoltà

Euro

E’ stato, finalmente, rivelato il piano della Bce in merito all’acquisto dei titoli di Stato dei Paesi in difficoltà. Si chiama OMT, Outright Monetary Transactions, ed è il nuovo programma di acquisto obbligazioni, più trasparente e con una potenza di azione ben più ampia e senza limiti quantitativi.

Il presidente della Bce Mario Draghi ha mostrato forte determinazione nel ribadire l'irreversibilità dell'euro di fronte a evidenze di mercato che scommettono su una disgregazione dell'Unione Monetaria.

Il programma OMT prevede l’acquisto senza limiti predefiniti di titoli con scadenza residua fino a 3 anni. A fronte di ciò i governi dei Paesi il cui debito sovrano è sotto pressione dovranno consolidare i successi sul fronte fiscale e accelerare l'adozione di politiche strutturali e riforme per superare i ritardi nella competitività dei loro sistemi economici e migliorare la dinamica della produttività rispetto al benchmark europeo, attualmente individuabile nella Germania. Qualora un Paese non rispetti le condizioni definite, la Bce bloccherà immediatamente gli acquisti. Le decisioni di avvio, svolgimento e sospensione degli acquisti saranno perse dal consiglio della Bce in assoluta indipendenza e nel rispetto del suo mandato di politica monetaria.

Il nuovo programma OMT ha, inoltre, il forte vantaggio di non accrescere la correlazione tra rischio sul debito sovrano e rischio bancario. Altro punto cruciale è la rinuncia della Bce allo status di creditore privilegiato.

Così strutturato l’Outright Monetary Transactions tende a ridurre il rischio legato alla mancanza di fiducia sull’area euro e a ridurre gli oneri finanziari per i governi con debiti insostenibili acquistando le loro obbligazioni.

La Bce non ha definito un limite massimo alla quantità di obbligazioni da acquistare tuttavia ha specificato che l’acquisto di titoli sarebbe stato sterilizzato. Ciò vuol dire che per il loro acquisto non saranno stampate nuove banconote ma sarà utilizzato il denaro in circolazione. In questo modo il rischio di inflazione è notevolmente ridotto.

L’introduzione del programma Omt ha generato ottimismo nelle Borse. Tuttavia, personalmente ritengo che questo sentimento positivo non durerà a lungo. Una giornata particolarmente difficile, infatti, sarà quella del 12 settembre, giorno in cui la Corte Costituzionale Tedesca dovrà pronunciarsi sulla legittimità dell’Esm. La Germania, purtroppo, non vede favorevolmente le operazioni della Banca Centrale Europea e questo potrebbe continuare a infastidire i mercati.

Articoli correlati

Commenti

Aggiungi un commento

Condividi