Deducibilità costi delle auto aziendali

Auto aziendale
Auto aziendale

La gestione delle auto aziendali presentano una serie di regole che occorre rispettare per evitare di avere problemi con il Fisco. A seconda della destinazione del veicolo, infatti, può variare il grado di deducibilità dei costi. A complicare le cose, adesso, intervengono le modifiche apportate dal Dl 16/2012 al comma 7 dell’articolo 102 del Tuir in relazione ai diversi tipi di auto aziendali. Vediamo, allora, di fare chiarezza.

Le spese relative ad autovetture adibite esclusivamente ad uso strumentale sono interamente deducibili.

Le autovetture non adibite ad uso esclusivamente strumentale deducono le spese secondo due criteri differenti: una soglia percentuale che per il 2012 resta ferma al 40% e che dal 2013 scenderà al 27,5%. Il limite massimo del costo fiscalmente riconosciuto è pari a 18.075,99. Per gli agenti e i rappresentanti tali limiti sono elevati all’80% e a 25.822,84.

Le auto date in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte dell’anno deducono le spese nella misura del 90%. Dal prossimo anno tale percentuale scenderà al 70%.

In relazione ai canoni leasing, la modifica apportata al comma 7 dell’articolo 102, ne ha svincolato la deduzione dal requisito contrattuale della durata minima. I canoni leasing sono deducibili per un periodo non inferiore al periodo di ammortamento previsto applicando il coefficiente previsto dal Dm 31 dicembre 1988.

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento