Contratto di lavoro part-time

Contratto part-time
Contratto part-time

Il lavoro part-time o a tempo parziale si caratterizza per un orario a tempo ridotto rispetto al tradizionale contratto di lavoro che risulta essere pari a 40 ore settimanali.

E’ solitamente applicato in quei lavori che non richiedono un costante impegno da parte del lavoratore o in quei lavori che possono essere svolti in uno specifico periodo dell’anno. E' utile al lavoratore in quanto permette di conciliare al meglio la vita lavorativa con quella familiare.

Nell’ambito del lavoro part-time è bene far presente ulteriori forme di flessibilità quali:

  • lavoro supplementare, ossia la prestazione di lavoro che va al di là dell’orario di lavoro stabilito nel contratto di lavoro part-time ma entro il limite del tempo pieno;
  • lavoro straordinario, ossia la prestazione oltre il normale orario di lavoro a tempo pieno;
  • lavoro elastico, ossia la prestazione per un periodo di tempo maggiore rispetto a quelli definiti nel contratto di lavoro part-time a seguito di stipulazione di clausole elastiche.

Il part-time può essere orizzontale quando la riduzione dell’orario è riferita al normale orario giornaliero o verticale quando la prestazione è svolta a tempo pieno ma in determinati giorni della settimana, del mese o dell’anno. Viene, invece, definito part-time misto quando si ha l’unione della formula orizzontale e verticale.

Il contratto part-time deve essere stipulato in forma scritta e deve contenere l’indicazione della durata della prestazione lavorativa e dell’orario di lavoro.

La tariffa oraria di un lavoratore part-time deve essere uguale a quella di un lavoratore a tempo pieno alla stessa maniera del periodo di ferie annuali, alla durata del congedo per maternità e del congedo parentale. L’indennità di maternità e di malattia sono proporzionali alla percentuale di attività svolta.

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento