Car sharing: valida alternativa all’uso delle auto aziendali

Car sharing
Car sharing

Il car sharing è un servizio con il quale l’azienda può noleggiare a qualunque ora del giorno un’auto. Il servizio è già attivo in molte città italiane e tra qualche anno sarà presente in tutta Italia. E’, in pratica, a metà strada tra l’auto aziendale e l’auto a noleggio e permette di disporre di un veicolo in qualunque momento pur non essendo il proprietario. Il che si traduce in notevole risparmio poiché vengono a mancare tutti quei costi fissi che inevitabilmente devono essere sostenuti anche nei periodi in cui il veicolo di proprietà rimane fermo.

Il sistema del car sharing prevede l’utilizzo di una smart card dotata di codice pin al fine di garantire adeguati livelli di sicurezza e affidabilità. In pratica si dovrà provvedere all’iscrizione al servizio per diventare clienti del car sharing. Si entra, così, in possesso di una smart card, di una password e delle linee guida per accedere al servizio.

La richiesta dell’autoveicolo solitamente va effettuato tramite Internet e può essere prenotato con largo anticipo o immediatamente prima dell’utilizzo. Il veicolo si troverà parcheggiato nelle apposite aree riservate e l’accesso all’auto è consentito solo con l’utilizzo della smart card. Una volta terminato l’utilizzo, il veicolo può essere riconsegnato in una qualunque zona di sosta. I dati relativi ai chilometri percorsi e al tempo impiegato saranno trasmessi automaticamente all’ufficio centrale di prenotazione il quale, mensilmente, emetterà fattura evidenziando le tratte percorse, i chilometri e il tempo.

Dal punto di vista tecnico il computer di bordo, dotato di ricevitore GPS per la localizzazione del veicolo, provvede alla raccolta e alla gestione dei dati inerenti le condizioni operative e funzionali del veicolo, al controllo dell’accesso nel veicolo da parte dell’utente e alla trasmissione/ricezione dei dati con la centrale operativa. Per fare questo il veicolo, oltre al computer di bordo, è dotato di sensori collegati al computer sul quale vengono scaricate le informazioni raccolte, un lettore/scrittore smart card, un dispositivo di prevenzione dai furti o dall’uso non autorizzato del veicolo, un supporto di telecomunicazione mobile e di localizzazione e una piccola stampante per poter stampare all’utente il giustificativo a prova del viaggio effettuato.

Come già accennato il riconoscimento dell’utente è consentito grazie all’utilizzo della smart card personale. Una volta riconosciuto l’utente il sistema sbloccherà le portiere per consentire l’accesso nel veicolo.

Il car sharing è indicato prevalentemente alle aziende che fanno un uso occasionale del veicolo aziendale e l’ampia gamma di veicoli presenti nel parco auto (city car, berlina o monovolume) correlata alla possibilità di muoversi senza sostenere disagi e costi fissi legati al possesso del veicolo sono una valida alternativa all’acquisto.

Sintetizzando i benefici del car sharing possono essere:

  • riduzione del costo del viaggio rispetto all’auto privata;
  • riduzione della spesa rispetto a tutte le altre forme di trasporto;
  • riduzione delle necessità di avere auto private.

Quanto ai costi è solitamente possibile scegliere fra tariffazioni mensili, chilometriche o temporali. La convenienza massima del car sharing si ha per spostamenti a bassa frequenza ossia che vanno dalle 2 alle 8 ore o per distanze comprese tra i 20 e i 100 km e comunque complessivamente inferiori a 15.000 chilometri annui.

Tags: 

Aggiungi un commento