Presentato nuovo redditometro, più coerenza tra reddito e spesa

Reddito
Reddito

E’ stato presentato oggi il nuovo redditometro dall’Agenzia delle Entrate. L’obiettivo è quello di rendere coerenti il reddito dichiarato e la capacità di spesa. Un sensibile scostamento fa scattare il controllo da parte del Fisco. Sotto la lente oltre 100 voci di spesa differenziate per aree geografiche.

Viene decantato come uno strumento fortemente attendibile in quanto la stima è ancorata a dati di spesa certi, non ipotizzati, che si vanno a confrontare con i redditi dichiarati. Resta il fatto che il nuovo redditometro certamente non farà dormire sonni tranquilli ai contribuenti. Soprattutto a fronte del fatto che sarà utilizzato a partire dalle dichiarazioni per l’anno 2009.

Ma cos’è il redditometro? E’ uno strumento che permette di stimare la capacità di spesa dei contribuenti sulla base del reddito percepito. Esemplificando, il contribuente che spende più di quanto guadagna rappresenta un'anomalia. E ci voleva proprio uno studio approfondito del Fisco per stabilire una cosa del genere? A dire il vero, alle spalle, c’è uno riflessione particolarmente accurata poiché il redditometro è sensibilmente condizionato da una serie di variabili: area geografica, composizione del nucleo familiare, età anagrafica e così via.

Sono più di cento le voci di spesa prese in considerazione dal redditometro. Queste sono divise in sette categorie:

  • abitazione;
  • mezzi di trasporto;
  • contributi e assicurazioni;
  • istruzione;
  • attività sportive, ricreative e cura della persona;
  • altre spese significative quali gioielli o oggetti d’arte;
  • investimenti mobiliari e immobiliari.

Il confronto delle suddette spese con il reddito dichiarato rileverà il grado di coerenza del contribuente. In caso di una situazione non coerente si valuta se il rischio di evasione fiscale sia basso, medio o alto. Solo negli ultimi due casi il contribuente dovrà fornire adeguate motivazioni a supporto. In assenza si procederà con l’accertamento sintetico.

Dal prossimo mese di novembre il nuovo redditometro attraverserà la sua fase sperimentale. La fase di test finirà nel mese di febbraio 2012, momento in cui il redditometro diverrà operativo.

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento