Comuni alluvionati: sospendere versamenti Inps e Irpef

Alluvione Messina
Alluvione Messina

Non si può che essere d’accordo con quanto proposto dal presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Claudio Siciliotti: bisogna rinviare le scadenze fiscali nei Comuni colpiti dall’alluvione.

Alcuni mesi potrebbero essere sufficienti, meglio ancora se fossero dodici. Il presidente dell’Ordine fa riferimento alle scadenze fiscali del prossimo 30 novembre relative al saldo dell’acconto delle imposte e alla definizione delle liti pendenti presso le Commissioni tributarie inferiori a 20.000 euro. Io ritengo che per offrire un concreto aiuto alle popolazioni alluvionate sia necessario sospendere, per dodici mesi, le trattenute Inps e Irpef da versare.

L’agevolazione sarebbe indirizzata ai contribuenti dei comuni di Barcellona Pozzo di Gotto, Milazzo e Saponara nonché a quelli dei comuni della Liguria e della Toscana messi in ginocchio dal maltempo e permetterebbe loro di sospendere il pagamento di 3.500/4.000 euro in un anno.

Il recupero delle somme sospese da parte del Fisco potrebbe avvenire a partire dal prossimo anno in 24 rate mensili. I contribuenti, infatti, dovranno versare oltre ai contributi previdenziali e assistenziali nonché all’Irpef anche un’ulteriore quota a titolo di indennità sospese.

L’Odcec di Catania ha lanciato una sottoscrizione a favore dei Comuni della Provincia di Messina. I versamenti possono essere effettuati, con causale “Fondo alluvionati Messina”, sul seguente conto corrente bancario intestato all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania: Credito Siciliano, Agenzia di Catania, IBAN IT79N0301916903000006006124.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento