Fiat, raggiunto l’accordo: incentivi e premi a operai e impiegati di Termini Imerese

Fiat
Fiat

Saranno 640 i lavoratori della Fiat di Termini Imerese in mobilità incentivata. Questi riceveranno un bonus, uguale sia per impiegati che per operai, di 460 euro mensili per l’accompagnamento alla pensione. Sono questi i risultati della mediazione svolta dal Ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, con l’advisor Invitalia e i sindacati.

L’accordo dovrà, comunque, essere formalizzato giovedì 1 dicembre con la DR Motor, l’impresa che prenderà il posto della Fiat. In questo modo si cercherà di incentivare la mobilità di 640 lavoratori su 1566 che nell’arco dei prossimi 6 anni matureranno i requisiti per andare in pensione. L’incentivo, pagato dalla Fiat, si va a sommare all’indennità di mobilità dell’Inps che varia da 892 a 1073 euro lordi mensili.

Attualmente tutti i lavoratori dello stabilimento di Termini Imerese sono posti in cassa integrazione ordinaria. Dal 1° gennaio 2012 e per due anni è prevista la cassa integrazione straordinaria per cessazione attività. Al contempo saranno attivate le procedure di mobilità in modo da favorire l’uscita dei dipendenti che maturano i requisiti pensionistici.

L’incentivo del primo anno potrà arrivare fino a 4.445 euro mentre per i tre successivi salirà a 5.921 euro. Inoltre saranno corrisposti 650 euro alla firma della conciliazione, un premio fedeltà (corrispondente, per gli operai, ad un’indennità di 80 ore retribuite e, per gli impiegati, ad un’indennità variabile tra 2,5 e i 4 mesi) e l’indennità di mancato preavviso (da 1 a 2,5 mesi di retribuzione per li operai e da 2,5 a 4 mesi per gli impiegati).

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento