Imprenditoria giovanile: come evitare il fallimento dell’azienda

Imprenditoria
Imprenditoria

Creare un’impresa, investire idee e risorse e ritrovarsi, dopo qualche anno, falliti. Accade più spesso di quanto si possa immaginare. Ancora di più quando si parla di imprenditoria giovanile. Si stima che ogni tre imprese che cercano di attecchire nel mercato italiano una non ce la fa. Una percentuale inquietante. E la causa del fallimento non è sempre da attribuire al particolare momento di congiuntura economica. Le motivazioni, infatti, molto spesso sono da ricercare nell’incapacità del giovane imprenditore a condurre un’impresa.

Molti giovani decidono di avviare un’impresa dopo una breve esperienza come lavoratore dipendente presso una piccola o media impresa. In molti, infatti, sono convinti di essere dotati di idee innovative e di spiccate capacità manageriali dopo essersi confrontati con il proprio datore di lavoro. Ma il mondo imprenditoriale non è uguale a quello del lavoro dipendente. E’ vero che non si timbra più il cartellino né si ha un capo cui sottostare: il lavoro imprenditoriale non prevede un cartellino perché non ha orari mentre la funzione del datore di lavoro è stata pienamente sostituita dai clienti, dai fornitori e dal fisco. Inoltre bisogna bisogna sviluppare un elevato senso di autocritica e, ove necessario, occorre essere in grado di correggere o stravolgere le proprie abitudini.

In questa situazione è facile per il giovane imprenditore perdere il controllo, commettere errori e portare l’impresa dritta al fallimento. Il lavoro imprenditoriale è una scelta che cambia la vita: si cambiano gli schemi, si fanno progetti a medio/lungo termine, si lavora fino a tardi e, se necessario, anche la domenica e i festivi.

Ascoltare se stessi e gli altri, avere bene in mente gli obiettivi e le strategia imprenditoriali, aprirsi al cambiamento

La soluzione per evitare che la propria impresa fallisca è quella di ascoltare se stessi e gli altri, avere bene in mente gli obiettivi e le strategie imprenditoriali, aprirsi al cambiamento poiché c’è sempre qualcosa da migliorare. Prima di avviare un’impresa è necessario avere le idee chiare. Il successo è assicurato quando si lavora sulle proprie passioni e sui propri interessi. Non è necessario che si faccia impresa attorno ad una novità. Mettere in commercio una novità è molto più rischioso poiché non si è a conoscenza della reazione del mercato. L’idea imprenditoriale va analizzata a fondo, ne vanno evidenziati i punti di debolezza ed esaltati i punti di forza.

Il business plan è lo strumento su cui si fonda la costituzione dell’impresa. Predisporre un dettagliato business plan permetterà al neo imprenditore di non sbagliare mai la rotta neppure nei momenti di elevato stress e di poca lucidità. Il business plan deve evidenziare i limiti e le opportunità della propria impresa, comprendere le esigenze dei clienti, calcolare gli investimenti di avvio, quantificare la redditività dell’iniziativa, definire i servizi da offrire o i beni da commercializzare.

La difficoltà maggiore per il giovane imprenditore è quella di reperire i finanziamenti necessari ad avviare l’impresa. Occorre presentare il business plan ad una banca o un istituto di credito e richiedere i fondi necessari. E' importante individuare solo gli investimenti strettamente necessari rimandando a posteriri i beni di cui, al momento, se ne può fare a meno. Da valtuare anche l’idea di richiedere, laddove disponibile, un finanziamento pubblico. Tuttavia la lentezza delle erogazioni dei fondi vi obbligheranno a fare progetti solo a partire dal momento in cui i fondi sono effettivamente incassati.

Limitare il rischio fallimento e costruire un business di successo. E' questo l'obiettivo dei giovani imprenditori. Suggerisco, quindi, l'iscrizione ad un servizio email che consente di essere costantemente informati sulle principali novità legate al mondo dell'imprenditoria e sulle più efficaci soluzioni per creare un business di successo. L'iscrizione è veloce e gratuita e vi permetterà di ricevere fin da subiti i primi suggerimenti per creare un business di successo.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento