Presentazione modelli 730 al CAF: proroga al 10 giugno 2013

Dichiarazione dei redditi
Dichiarazione dei redditi

Il congelamento dell’acconto Imu per l’abitazione principale ha comportato la necessità di rifare circa 100.000 modelli 730 già presentati. E’ sorta, così, l’esigenza di fare slittare la data ultima di presentazione dei modelli 730 ai CAF o ai professionisti abilitati dal 31 maggio al 10 giugno 2013.

Il decreto legge n. 54 del 2013 ha congelato il pagamento della prima rata dell’Imu sulle abitazioni principali e questo ha, di riflesso, obbligato il legislatore a fare slittare il termine ultimo per la consegna ai CAF o ai professionisti abilitati del modello 730. Ma cosa c’entra l’Imu con la dichiarazione dei redditi?

Con il modello 730 è possibile provvedere al pagamento dell’imposta sugli immobili. Circa 100.000 contribuenti, che hanno già consegnato il modello 730 al CAF, avevano compilato l’apposito campo per provvedere al pagamento dell’Imu direttamente in dichiarazione. Tenendo conto che per le abitazioni principali non è più dovuto il pagamento dell’acconto al 16 giugno, questi soggetti dovranno inevitabilmente correggere la documentazione.

E’ proprio per concedere loro il tempo necessario a correggere le dichiarazioni che è stata autorizzata la proroga al 10 giugno 2013. In questo modo CAF e professionisti abilitati avranno più tempo per rivedere le dichiarazioni già consegnate evitando ai contribuenti di presentare il modello 730 integrativo, adempimento inevitabile per chi ha consegnato il modello 730 al proprio datore di lavoro.

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento