Analisi tecnica e analisi fondamentale: due soluzioni per guadagnare in Borsa

Guadagnare in Borsa
Guadagnare in Borsa

I risparmiatori che intendono investire i propri risparmi devono valutare attentamente se acquistare o meno un certo titolo. Il principale obiettivo è quello di capire quanto e quando conviene investire in quella determinata impresa. Occorre, pertanto, porsi domande ben precise sul tipo di società, sul suo modo di operare, sul mercato, sui concorrenti e sulle prospettive di crescita. Esistono, tuttavia, due differenti tipologie di analisi: quella tecnica e quella fondamentale.

Con l’analisi fondamentale vengono esaminati i bilanci di un’azienda, verificate le informazioni societarie, analizzato il mercato, ascoltati i clienti, i fornitori e il management. Tutto questo per capire il potenziale di business dell’impresa e decidere se conviene investire o meno.

Non esiste uno schema ben preciso di analisi fondamentale. Ciascun risparmiatore che intende operare in Borsa deve crearsene uno personalizzato tenendo conto sostanzialmente del capitale che intende investire e della propria propensione al rischio.

Il punto di partenza dell’analisi fondamentale è sicuramente il bilancio aziendale e, quindi, l’utile dell’esercizio in quanto importante indicatore dello stato di salute dell’azienda. Se ad esso vanno affiancati ulteriori elementi desunti dallo Stato Patrimoniale o dal Conto Economico si possono ricavare nuovi e più efficaci indici di valutazione. In tale ambito è bene fare riferimento all’importanza del ROI, ROE e ROS.

Confrontando il risultato dell’analisi fondamentale con l’andamento del titolo è facile individuare azioni sottoprezzate e scambiate ad un prezzo inferiore rispetto al loro valore intrinseco. Si tratta, in pratica, di stabilire il giusto prezzo di un titolo in base alle caratteristiche economiche e finanziarie dell’impresa. Quindi si provvederà a vendere se tale valore risulta essere inferiore alla quotazione corrente (in quanto sicuramente sopravvalutato) e si acquisterà se superiore.

Uno dei più noti investitori di analisi fondamentale nonché uno dei personaggi più influenti del mondo finanziario è sicuramente Warren Buffett, presidente e amministratore delegato della Berkshire Hathaway, che ha individuato una serie di aziende sottovalutate e ne ha acquistato una quota.

Con l’analisi tecnica, invece, si cerca di definire il prezzo futuro di un titolo basandosi sull’andamento delle quotazioni. A differenza di quella fondamentale, l’analisi tecnica punta ad un breve periodo e le operazioni sono solitamente veloci (in qualche caso anche intraday). In tale ambito risulta di sostanziale importanza riuscire a comprendere i grafici e a individuare il trend di uno specifico titolo.

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento