Calcolo dell’Ivie: dalla base imponibile alla detrazione

Immobile all'estero
Immobile all'estero

Con la prossima presentazione del modello Unico si dovrà fare molta attenzione al calcolo dell’Ivie, l’imposta sugli immobili detenuti all’estero. In particolare si dovrà determinare la base imponibile, calcolare l’imposta lorda, scomputare le imposte estere e sottrarre quanto versato lo scorso anno. Vediamo, nel dettaglio, come calcolare l’Ivie: dalla base imponibile alla detrazione.

Determinazione della base imponibile
Per il calcolo della base imponibile si può far riferimento a tre differenti modalità:

  • Costo di acquisto: il valore di riferimento è il costo di acquisto rilevabile nel contratto di acquisto o nella documentazione dei costi di costruzione. Se l’immobile è stato acquisito per donazione di assumerà il valore dichiarato negli atti di trasferimento della proprietà;
  • Valore normale: in mancanza del costo di acquisto si può far riferimento al valore normale dell’immobile al 31 dicembre 2012;
  • Valore catastale: altra ipotesi valida per gli immobili ubicati nello Spazio Economico Europeo (Paesi UE più Norvegia e Islanda) è il valore catastale utilizzato all’estero per versare le relative imposte patrimoniali.

Calcolo dell’imposta lorda
Alla base imponibile si applica l’aliquota dello 0,76% ovvero dello 0,40% se abitazione principale, tenendo conto del periodo e della quota di possesso.

Detrazione delle imposte estere
Dal risultato ottenuto occorre detrarre le imposte patrimoniali estere versate relativamente all’immobile.

Sottrazione delle somme già versate
L’imposta versata in Unico 2012 deve essere sottratta all’imposta netta in quanto, a seguito delle modifiche introdotte dalla Finanziaria 2013, è diventata un acconto dovuto per il 2013.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento