Come ottenere una buona rendita con le obbligazioni

Obbligazioni
Obbligazioni

L'investimento in obbligazioni è sicuramente uno dei prodotti meno rischiosi che il mercato possa offrire. Si tratta di titoli di Stato che riconoscono all'acquirente una cedola trimestrale, mensile o annuale. Maggiore è la stabilità dell'ente emittente minore sarà il tasso di interesse: i titoli tedeschi, ad esempio, offrono un tasso di interesse minore rispetto a quelli italiani mentre i titoli greci offrono un rendimento maggiore. Che fare, allora, in questi casi? Preferire un investimento più sicuro con un tasso di interesse più basso oppure affrontare un maggiore rischio ma ottenere alti rendimenti?

Tutto dipende dalla propensione al rischio che ha ognuno di noi

E' difficile fornire una risposta a questa domanda in quanto tutto dipende dalla propensione al rischio che ha ognuno di noi. Quello che posso suggerirvi è un metodo da adottare per ottenere una buona rendita con le obbligazioni.

Supponiamo, adesso, di voler acquistare 10.000 euro di obbligazioni decennali di nuova emissione al tasso semestrale del 4,75%. Al termine dei dieci anni avremo guadagnato la somma di euro 4.750,00. La formula adottata per il calcolo dell'interesse semplice è la seguente:

I = C * r * t / 36.500

dove I rappresenta l'interesse, C il capitale iniziale, r il tasso percentuale e t il tempo espresso in giorni. Pertanto:

I = 10.000 * 4,75 * 3.650 / 36.500 = 4.750

Ciò significa che ogni sei mesi ci verrà riconosciuta una cedola di

4.750 / 20 = 237,50 euro.

Vi suggerisco, adesso, un metodo semplice che permette di aumentare i guadagni mantenendo lo stesso investimento: reinvestire gli utili. Ora, partendo dalla formula sopra citata, arriveremo facilmente al calcolo dell'interesse composto. L'interesse composto è calcolato applicando l'interesse al capitale al termine di ogni anno. Pertanto alla fine del primo anno avremo:

I1 = C * r / 100

Alla fine del secondo anno l'interesse sarà calcolato sul capitale iniziale maggiorato dell'interesse del primo anno:

I2 = (C + I1) * r / 100

La stessa procedura verrà applicata anche per il terzo anno:

I3 = (C + I1 + I2) * r / 100

E così via fino al decimo anno:

I10 = (C + I1 + I2 … + I9) * r / 100

C'è, comunque, una formula molto più semplice per il calcolo dell'interesse composto (in questo caso t è espresso in anni):

I = (C * (1 + r / 100)t) - C

Pertanto:

I = (10.000 * (1 + 4,75/100)10) - 10.000 = 5.905,24

Con la stessa tipologia di investimento siamo riusciti ad ottenere un utile maggiore di euro 1.155,24 semplicemente reinvestendo gli utili.

Alla stessa maniera è possibile porre un obiettivo definendo il valore finale. In pratica si vuole sapere quanto occorre investire oggi per avere fra dieci anni un capitale complessivo di euro 20.000. La formula da applicare sarà la seguente:

C = Cf / (1 + r /100)t

dove C rappresenta il capitale iniziale, Cf il capitale finale, r il tasso percentuale e t il tempo espresso in anni. Pertanto

C = 20.000 / (1 + 4,75 /100)10 = 12.574,47

L'interesse composto è molto utile per coloro che vogliono risparmiare denaro in un periodo di medio/lungo termine. Se si comincia ad accantonare quando si è giovani, magari programmando ulteriori versamenti aggiuntivi periodici, si riuscirà ad ottenere un buon capitale quando si sceglierà di andare in pensione.

Investire con le obbligazioni, conoscere gli strumenti e valutare i rischi

A chi è alla ricerca delle nozioni di base necessarie a pianificare un investimento finanziario consiglio la lettura del libro “Investire con le obbligazioni: Conoscere gli strumenti e valutare i rischi” di Luca Bagato e Patrizia Bussoli. Il testo si rivolge ad un vasto pubblico, che non deve necessariamente essere in possesso di nozioni di finanza per seguire le argomentazioni esposte. Coloro che, invece, hanno già esperienza con le operazioni nei mercati finanziari troveranno utili approfondimenti in merito agli investimenti in strumenti di reddito fisso, alla curva dei rendimenti, alla duration nonché ai diversi profili di rischio presenti. Interessante, infine, la descrizione dettagliata della micro struttura del mercato finanziario. Sarà semplice comprendere il funzionamento del mercato monetario e il repurchase agreements, il modo in cui le banche centrali sono in grado di condizionare i mercati, il mercato degli acquisti dei prodotti sia dal lato buyer che dal lato seller.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento