Come gestire il magazzino con OpenOffice

Magazzino con OpenOffice
Magazzino con OpenOffice

Per gestire correttamente il magazzino di un’impresa non è necessario acquistare complessi software. E’ sufficiente OpenOffice Calc, il foglio elettronico open source alternativo a Excel, il software della Microsoft. Quello che vi propongo oggi è un file OpenOffice che permette la corretta gestione del magazzino. E’ possibile scaricare gratuitamente il file.

Gli imprenditori sanno quanto sia importante riuscire a gestire correttamente un magazzino poiché in questo modo potranno pianificare gli acquisti delle materie prime, indirizzare la produzione verso un prodotto in esaurimento, verificare attentamente le scorte. Senza contare gli importanti riflessi che si hanno in contabilità: ogni anno, infatti, le rimanenze finali devono essere attentamente valutate poiché rappresentano una importante componente di bilancio.

Le imprese più grandi si dotano solitamente di un software gestionale mentre le Pmi possono scegliere di utilizzare un foglio elettronico. Per questo motivo ho realizzato un semplice file OpenOffice in grado di registrare i movimenti degli articoli e riportare le esistenze finali di ciascuno di essi. La prima operazione da fare è quella di installare OpenOffice sul vostro computer.

Questo file non vuole avere la pretesa di essere esaustivo per tutte le piccole imprese ma piuttosto si pone come punto da cui partire per realizzare individualmente uno strumento più complesso che rifletta le esigenze dell'impresa.

Il file Magazzino si compone di due fogli di lavoro, rispettivamente Articoli e Movimenti. Il foglio Articoli è composto da due campi: Descrizione ed Esistenza. Nel campo Descrizione dovranno essere inseriti tutti gli articoli dell’impresa che compongono il magazzino. L’esistenza sarà valorizzata automaticamente sulla base delle registrazioni inserite nel foglio Movimenti.

Il foglio Movimenti, invece, si compone di 5 campi: Prot, Data, Movimento, Articolo e Quantità. I campi Prot e Data dovranno riportare rispettivamente il protocollo e la data del movimento da registrare. Nel campo Movimento sarà possibile scegliere tra due opzioni: In entrata o In uscita. La prima opzione provvederà a incrementare il magazzino, la seconda lo diminuirà. Il campo Articolo permetterà di selezionare l'articolo dall'elenco inserito nell’omonimo foglio. Il campo Quantità è riferito al valore da movimentare in magazzino.

Nel file in formato zip che ho inserito per il download è presente anche la versione per Excel, utile a coloro che utilizzano il software della Microsoft. Il file può essere scaricato gratuitamente. Vi verrà richiesto di inserire un nome ed una e-mail affinché possiate ricevere un messaggio di posta elettronica con il link per il download.

Scarica il foglio elettronico per la gestione del magazzino.

Articoli correlati

Tags: 

Commenti

FIGO,
PERO' A ME SERVIREBBE CON LE VARIANTI, OGNI ARTICOLO HA 10-20 VARIANTI.
SAREBBE BELLO CHE QUANDO SELEZIONI UN ARTICOLO, NELLA COLONNA SUCCESSIVA TI VENFGONO MOSTRATE SOLO LE VARIANTI DI QUELL' ARTICOLO, SECONDO TE è POSSIBILE.?
grazie ciao
simo

Sì, sicuramente si può fare. Ma occorre lavorare con le macro o, nei casi più complessi, occorre utilizzare un po' di linguaggio (Basic per OpenOffice o VBA per Excel). Personalmente, però, quando si tratta di creare soluzioni complesse preferisco usare un database (Base di OpenOffice o Access di Microsoft).

mi è piaciuta l'idea della gestione magazzino conLA tabella pivot volevo sapere come aumentare la capacità di inserimento più articoli

Il tuo esempio è veramente interessante. Sarebbe fantastico se fosse possibile interfacciarlo con un lettore di codice a barre per gestire le due fasi di carico e scarico (magari di quelli con memoria, in modo da poter scannnerizzare tutti i codici e poi in un secondo momento scaricarli su calc). Hai mai sentito di macro o applicazioni per questo utilizzo?

In passato mi è stata richiesta una soluzione per la gestione del magazzino tramite lettura dei codici a barre. Di comune accordo con l'azienda richiedente è stata individuata, quale soluzione migliore, l'utilizzo di un database Access. In pratica, grazie all'utilizzo di una maschera, di una serie di macro (e qualche riga di codice in VBA) e una istruzione SQL si riusciva a movimentare il magazzino semplicemente utilizzando una comune penna ottica per la lettura del codice a barre. In questo modo l'azienda è riuscita a velocizzare i movimenti dei beni in magazzino e a migliorare la propria produttività.

Buongiorno,
ho letto che ha sviluppato un file DB per la gestione del magazzino tramite BarCode, posso chiederle il file ?
Mi servirebbe per poter gestire i barcode in access, solo per inserire alcuni codici, non tutta la gestione del magazzino...
Grazie mille per l'attenzione.
Paolo

Salve Paolo,
sarei felice di fornirle il database ma si tratta di un progetto realizzato parecchi anni fa, prodotto con Access 97 e oggi completamente inutilizzabile. Mi dispiace.

mi piacerebbe provarlo

Aggiungi un commento