Cresce l'e-commerce in Italia: al primo posto viaggi e all'ultimo cibi e bevande

E-commerce
E-commerce

L’economia italiana fa fatica a scrollarsi di dosso la crisi, ma per alcuni settori la tecnologia offre un ausilio di indubbio valore. In particolare, secondo quanto raccolto dal Politecnico di Milano, in Italia a crescere è soprattutto l’economia legata all’e-commerce. Qui il settore che brilla di più è quello dei servizi e al primo posto indiscusso, con una quota del 44% del totale, troviamo il turismo. Rispetto all’anno passato si è registrato un aumento dell’8%. Se questo dato può far tornare a sorridere viene ridimensionato dalle crescite messe a segno dagli altri Paesi Ue, che in media sono ben al di sopra del 10%.

In generale comunque il settore dell’e-commerce ha fatto generare un controvalore degli acquisti di circa 20 miliardi di euro. Come effetto sono soprattutto le Dot Com a crescere, doppiando la più timida salita manifestata dalle aziende tradizionali: 28% contro 10%. Anche l’Istat sottolinea la portata di questo settore.

Secondo l’istituto statistico le persone che usano i vari servizi del web (internet banking, informazione, ecc) sono anche affezionati fruitori dei servizi accessibili con l’e-commerce. Questa attitudine è in aumento: nel 2015 la percentuale degli internauti frequentatori di siti di e-commerce era inferiore al 49%, ora è abbondantemente superiore al 50%. Le categorie coinvolte partono dai 15 anni, ma anche gli over 60 anni stanno mostrando una affinità fino a poco tempo fa ancora assente.

Guardando alle abitudini palesate per sesso ed età, l’Istat ha messo in evidenza che chi utilizza di più il web per acquistare sono gli uomini, sopra il 54% (età sopra i 20 anni), soprattutto quelli residenti nella macroarea del Nord Est (oltre il 55% del totale). Viaggi e trasporti sono quelli maggiormente acquistati sul web, seguiti da abbigliamento e articoli sportivi. In coda l’acquisto di generi alimentari.

I siti che si preferiscono sono quelli che offrono ampia sicurezza e varietà di metodi di pagamento accettati. I metodi più usati sono le carte prepagate, come Postepay e Genius Card per fare un esempio (approfondimenti su http://www.migliorcontocorrente.org/genius-card.htm) che hanno scalzato la leadership di Paypal e di altri conti elettronici.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento