Ecommerce, dall'Italia segnali positivi per consumatori e imprese

E-commerce
E-commerce

Continuano a essere positive le performance dell'ecommerce in Italia, con dati in crescita sia sul fronte consumer che su quello business; all'orizzonte anche nuovi settori in cui far spesa online, come la gastronomia o gli pneumatici.
L'Italia sta accelerando sul versante dell'ecommerce, che anche nell'ultimo anno è cresciuto con ritmi a doppia cifra, portando il totale fatturato del comparto B2C a sfiorare il valore di 32 miliardi di euro. La conferma arriva dal tradizionale report realizzato dalla Casaleggio Associati, che ha analizzato in dettaglio le performance del mercato digitale tricolore, che si conferma in buona salute seppure ancora a distanza dai risultati dei tre principali mercati europei, ovvero Regno Unito, Germania e Francia.

Un popolo di e-shopper

Nonostante permangano alcune carenze infrastrutturali e residue diffidenze culturali, dunque, il commercio online piace agli italiani, che oggi vanta un esercito di oltre 20 milioni di e-shopper (vale a dire, quasi un terzo del totale della popolazione italiana), ovvero utenti internet che almeno una volta hanno fatto un acquisto online nel corso del 2016. Più in dettaglio, la spesa media dello shopping tricolore online è di circa 952 euro all’anno, quinto valore assoluto (dietro anche i Paesi scandinavi).

I nuovi settori di acquisto

Tra le tendenze più importanti, secondo i dati raccolti dall’Osservatorio eCommerce B2C della School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm, è soprattutto nel settore food che ci sono gli incrementi maggiori: questo settore, infatti, ha conosciuto un boom del 30% tra il 2015 e il 2016, portando il suo valore a quasi 600 milioni di euro, con un impatto sempre più alto sul totale delle vendite online. Per fare dei paragoni, nello stesso arco di tempo le vendite via Web di settori "tradizionali" come tecnologia e abbigliamento sono salite con percentuali inferiori (ma con volumi più imponenti).

L'automotive è in salita

Un altro ambito in cui l'online sta rappresentando la nuova frontiera è l'acquisto di pneumatici per auto e moto, settore in cui l'italiana www.euroimportpneumatici.com è stata una delle aziende pioniere del business, avviando le attività già nel (lontano) 2009: oggi, si calcola che quasi un utente del Web su due compri gomme online, attratto in modo particolare dalla possibilità di risparmiare sul costo dei prodotti (secondo una recente ricerca, il prezzo scende in media del 23% rispetto ad altri canali di vendita).

Bene anche i rapporti tra aziende

Se questi sono i risultati del mondo B2C, ovvero delle vendite dirette, le sensazioni sono positive anche per il dinamico settore del B2B, ovvero i rapporti tra le aziende private, che soltanto nell'ultimo anno ha visto un aumento di fatturato pari al 20%, toccando i 310 miliardi di transato attraverso le piattaforme online. Ad accendere i riflettori su questo segmento è ancora l’Osservatorio fatturazione elettronica ed ecommerce B2B del Politecnico di Milano, che ha analizzato la "filiera delle filiere", ovvero le oltre 5 milioni di imprese che dalle materie prime realizzano i beni che entrano nelle case dei consumatori.

Le piccole ombre

A un dato complessivo comunque positivo fanno da contraltare le piccole ombre che sono state sottolineate dalla ricerca, a cominciare dalla situazione dei progressi nella digitalizzazione della catena del valore tra le imprese, che presenta ancora ampi spazi di miglioramento. Ovvero, c'è una maggiore sensibilità da parte delle aziende verso le opportunità offerte dall’ecommerce B2B, ma questa ora deve diventare una vera priorità, anche per tutto il Sistema Paese.

Gli strumenti giusti

In questa progressiva evoluzione in chiave digitale, la strada per una maggiore efficienza in azienda può passare anche da un portale e dal sistema per le vendite online: diventa perciò importante poter contare su partner tecnici affidabili ed esperti, che possano accompagnare la gestione del proprio business. In Italia si è ritagliata un ruolo di primo piano l'offerta di Flamenetworks, società che mette a disposizione un servizio hosting professionale che consente di avere a disposizione una piattaforma che fornisce altissime prestazioni e affidabilità.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento