Primi sui Motori, il cda approva la semestrale 2015

Ebitda negativo per il primo semestre di Primi sui Motori, società quotata sul mercato AIM Italia. E' quanto emerge dai risultati al 30 giugno 2015 presentati dal Consiglio di Amministrazione. I risultati negativi, come precisato dall'amministratore delegato, derivano da una serie di azioni che hanno permesso alla società di affrontare il secondo semestre con le carte in regola per raccogliere le opportunità che offre il nostro mercato di riferimento.

Valore della Produzione pari a Euro 4,6 mln (7,9 mln nel I° semestre 2014), ricavi pari a Euro 4,6 mln (7,7 mln nel I° semestre 2014), EBITDA negativo per circa Euro 1,1 mln (positivo per 0,9 mln nel I° semestre 2014) e Indebitamento Finanziario Netto pari a Euro 8 mln (7,4 mln al 31 dicembre 2014). Sono i risultati del primo semestre 2015 di Primi sui Motori presentati lo scorso 25 settembre. La società, come confermato dall'amministratore delegato Alessandro Reggiani, è pronta ad affrontare gli ultimi mesi dell'anno con le carte in regola per raccogliere tutte le opportunità offerte dal settore e a raggiungere gli obiettivi preposti nel Piano Industriale.

Le linee guida del Piano Industriale prevedono :

  • una forte riduzione dei costi fissi, sia di struttura sia del personale, con conseguente riduzione del break-even;
  • un calo di fatturato rispetto all’analogo periodo dello scorso esercizio connesso alla concessione di forme di pagamento ai clienti molto più stringenti rispetto al passato;
  • un conseguente miglioramento del cash-flow operativo connesso alla concessione di tempi di pagamento più brevi;
  • un maggiore focus sulle società controllate finalizzato al miglioramento dei risultati consolidati.

Il margine operativo lordo (EBITDA) consolidato del primo semestre 2015 è negativo per 1,1 milioni e si confronta con un margine positivo del primo semestre 2014 di 0,9 milioni. Il risultato operativo netto (EBIT) consolidato del primo semestre 2015 è negativo per 2,7 milioni. Il risultato ante imposte (EBT) consolidato del primo semestre 2015 è negativo per 3,9 milioni a causa di oneri finanziari (0,8 milioni) e oneri da gestione straordinaria (0,4 milioni). Il risultato netto consolidato di competenza del Gruppo è negativo per 3,6 milioni. La posizione finanziaria netta consolidata al 30 giugno 2015 è passiva per 8 milioni. Il debito netto delle società controllate, circa 0,7 milioni, è riconducibile quasi esclusivamente a linee a breve per lo sconto di fatture, RID/SDD o ricevute bancarie.

Nel semestre sono stati avviati importati riduzioni di costi fissi, i cui effetti emergeranno pienamente durante il secondo semestre. Contestualmente si attende una ripresa dei ricavi. Tutto ciò porterà ad una forte discontinuità in termini di margine ed utile rispetto a quanto avvenuto nel primo periodo dell’anno determinando un risultato economico del secondo semestre di sostanziale pareggio.

Tags: 

Aggiungi un commento