Twitter: quotazione in Borsa al via

Twitter
Twitter

Twitter si quota in Borsa. Ed è l'operazione finanziaria più attesa dell'anno. Qualche mese fa un tweet annunciava il progetto di quotazione. Ora il prospetto di collocamento è stato depositato presso la Sec, autorità di vigilanza sui listini americani. Al di là del segreto che la società ha fatto calare sull'intera operazione, potrebbe passare veramente poco tempo prima di poter acquistare azioni del più grande social network di microblogging.

Lo scorso mese di settembre Twitter ha annunciato di voler avviare le procedure per valutare la possibilità di una futura quotazione a Wall Street. Essendo una società emergente, ossia con meno di un miliardo di dollari di ricavi, ha potuto avviare la procedura confidenziale grazie alle norme contenute nel JOBS Act andando sul mercato senza una procedura pubblica. In questo modo la società potrà verificare e valutare l'interesse dei grandi investitori istituzionali privatamente e poi decidere se proseguire con l'operazione o meno.

Nel primo semestre di quest'anno Twitter ha registrato ricavi per 253,6 milioni di dollari, il doppio rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, e una perdita netta di 69,3 milioni di dollari, in calo rispetto agli 80 milioni del primo semestre 2012. Ogni utente che accede al social network genera 1,18 dollari di giro d'affari: molto meno di quanto avviene su Facebook (1,58 dollari) e su LinkedIn (1,53 dollari). I ricavi di Twitter derivano prevalentemente dalle pubblicità, in particolare dalle app scaricate su smartphone e iPhone.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento