Borsa italiana positiva: bene Unicredit e Mediaset, male Fiat

Seduta positiva per Piazza Affari spinta dai titoli bancari ed energetici. L'indice FTSE Mib ha archiviato la seduta in rialzo dello 0,7% e l'Allshare dello 0,62%. Fra i migliori anche Unicredit, Mediaset ed Eni. In sofferenza, invece, Yoox, Fiat e Moncler. Giornata importante, quella di oggi, per Mediaset, Banca Generali e Recordati per via della pubblicazione delle semestrali.

I titoli peggiori

Andamento pessimo per Saipem che chiude in calo del 2,82% dopo aver annunciato una nuova inattesa revisione delle stime per il 2014. Debole Fiat con il titolo in ribasso dello 0,59% nonostante le dichiarazioni del ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, che ha annunciato incentivi fiscali a favore del settore auto. Pessima performance per i titoli del lusso: Salvatore Ferragamo ha perso il 3,18%; Moncler il 2,93%, Yoox il 3,54% e Tod's l'1,80%. STM ha perso l'1,88% a causa del taglio di Bernstein a underperform. Piaggio continua la fase discendente, delusa dai risultati del semestre diffusi ieri, e cede quasi il 2%. RCS ha perso il 2%, dopo i dati diffusi ieri sulla raccolta pubblicitaria in Italia che evidenziano un calo del 10% circa nel primo semestre.

I titoli migliori

In rialzo Enel Green Power che ha annunciato l'avvio della costruzione del suo primo parco eolico in Uruguay e il titolo è salito del 2,15%. Bene anche Eni (+0,71%), Unicredit (+1,34%) e Intesa (+0,61%). Mondo TV ha chiuso in rialzo di quasi il 15% dopo aver annunciato che il socio di maggioranza della società cinese Capital Media, Yin Wei, ha acquistato il 10% del capitale sociale di Mondo TV dall'azionista di maggioranza Orlando Corradi. Aeffe è salita di oltre il 3% all'indomani dei risultati, che hanno mostrato un ritorno all'utile nel primo semestre.

Mediaset

Seduta in rialzo anche per Mediaset prima della pubblicazione dei conti che hanno visto una perdita superiore ai 20 milioni a causa delle pessime performance delle attività italiane (dalla raccolta pubblicitaria alla pay tv). Nei primi sei mesi dell'anno l'azienda ha riportato ricavi netti consolidati sostanzialmente stabili (-0,7%) a 1,725 miliardi nonostante la contrazione della raccolta pubblicitaria in Italia del 3,9% (-1,8% nel primo trimestre) e della televisione a pagamento che ha registrato ricavi per 274 milioni di euro contro i 280 miiloni dello scorso anno. Migliora l'ebitda a 668,3 milioni (+1,3%) grazie alla conferma del contenimento dei costi operativi sotto gli 1,1 miliardi ma i maggiori ammortamenti sui diritti tv portano in calo l'utile operativo a 109,5 milioni (-18%). In chiaro miglioramento l'indebitamento finanziario netto di gruppo che scende a 1,026 miliardi (da 1,459 miliardi di dicembre).

Banca Generali

Generali ha chiuso in rialzo di quasi l'1% dopo le pubblicazioni dei risultati. La banca ha chiuso il primo semestre dell'anno con un utile di 88,4 milioni (+24% sullo stesso periodo del 2013). Nel secondo trimestre i profitti sono saliti a 49,6 milioni (+37%). La raccolta netta è stata di 2,3 miliardi (+64%), superiore a quanto raccolto nell'intero 2013, per un ammontare di 32,3 miliardi di masse totali gestite. Le commissioni di gestione si sono attestate a 168 milioni (+19%) mentre il cost/income è sceso al minimo storico del 33,3%.

Recordati

Nel giorno dei risultati Recordati ha chiuso in rialzo dell'1,16%. L'azienda ha chiuso il primo semestre dell'anno con un utile netto in crescita del 18,1% a 83 milioni di euro e ricavi in aumento del 6,3% a 507,6 milioni. L'ebitda ha segnato un progresso del 18,2% a 141,9 milioni e l'utile operativo del 18,8% a 121,8 milioni di euro. La posizione finanziaria netta al 30 giugno ha evidenziato un debito di 211 milioni, mentre il patrimonio netto si è rafforzato a 772,1 milioni (701,82 milioni nello stesso periodo dello scorso anno). Tra i fattori che hanno inciso positivamente sui conti c'è l'accordo esclusivo di licenza firmato lo scorso febbraio con la società farmaceutica americana Apricus Biosciences per la commercializzazione di Vitaros, un prodotto topico innovativo per il trattamento della disfunzione erettile.

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento