Fondo di garanzia per professionisti e Pmi

Fondo di garanzia
Fondo di garanzia

Imprese e professionisti hanno a disposizione uno strumento che permetterà loro di accedere con maggiore facilità al credito bancario. È il Fondo di garanzia, destinato a Pmi e professionisti di ogni settore e per qualunque operazione finanziaria nell'ambito dell'attività imprenditoriale. In pratica, l'intervento del Fondo facilita l'accesso al credito e garantisce una copertura dell'80% della cifra richiesta fino a 2,5 milioni di euro. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Fondo di garanzia in sintesi

Lo Stato italiano affianca le imprese e i professionisti che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario in quanto non dispongono di sufficienti garanzie. Si tratta, più nel dettaglio, di una agevolazione del Ministero dello Sviluppo Economico che può essere attivata solo a fronte di finanziamenti concessi dalle banche, società di leasing e altri intermediari finanziari a favore di imprese e professionisti.
Il Fondo, pertanto, non interviene nei rapporti tra impresa/professionista e banca. Pmi e professionisti, infatti, dovranno individuare un istituto di credito disposto a concedere il finanziamento, concordare tassi di interesse e condizioni di rimborso. Solo successivamente può essere richiesto l'intervento del Fondo a garanzia dell'importo concesso dalla banca. Sarà, quindi, la banca stessa a occuparsi della domanda. Sulla parte garantita dal Fondo non possono essere acquisite garanzie reali, assicurative o bancarie.
La garanzia è valida sia per mutui che per prestiti per l'avvio dell'attività nonché per investimenti, spese per la formazione professionale o ristrutturazione per crisi o liquidità.

Soggetti destinatari

Destinatari del provvedimento sono micro imprese e Pmi iscritte al Registro delle Imprese e i professionisti iscritti agli ordini professionali o aderenti ad associazioni professionali iscritte all'apposito elenco del Ministero dello Sviluppo Economico.

Misura dell'agevolazione

L'intervento è concesso, fino ad un massimo dell'80% del finanziamento, sia a breve che a medio-lungo termine, e garantisce a ciascuna impresa o professionista un importo massimo di 2,5 milioni di euro. È evidente, quindi, che sul restante 20% non coperto dal Fondo, sarà cura del richiedente porre le necessarie garanzie. Per questo motivo la richiesta verrà sottoposta ad attente valutazioni da parte della banca, finalizzate alla valutazione dei redditi e del business plan contenente la previsione di ricavi e costi futuri nonché il piano di rimborso del finanziamento.

Compilazione del business plan

Si ricorda che il business plan è un documento che analizza i contenuti e le caratteristiche di un progetto imprenditoriale. Durante la compilazione del business plan occorre prestare massima attenzione alla fattibilità del progetto e all'analisi delle possibili ricadute sulle scelte aziendali e sui suoi risultati economico-finanziari. Inoltre, deve contenere la descrizione sintetica dell'azienda e le sue caratteristiche, i contenuti del progetto che si intende realizzare e la sua fattibilità, l'analisi delle possibili ricadute sull'azienda.
Come è evidente, il business plan consente di rappresentare al meglio la business idea al fine di ottenere i necessari capitali per finanziare il progetto nonché una guida in grado di agevolare la pianificazione e la gestione dell'impresa in funzione degli obiettivi da raggiungere e la consuntivazione dei risultati ottenuti.
Il business plan è composto da due principali sezioni:

  1. una parte descrittiva, necessaria per introdurre il lettore all'esposizione dei dati, alla presentazione dell'impresa o del progetto;
  2. una parte economico-finanziaria necessaria per esporre i dati in prospetti che guidino il lettore nella valutazione del progetto.

Sono disponibili modelli di business plan in Excel che aiutano l'imprenditore o il professionista a realizzare un piano completo partendo da un progetto già compilato. Sono semplici da utilizzare, facilmente personalizzabili e non richiedono particolari conoscenze economiche.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento