Decreto Ristori: tax credit vacanze esteso al 30 giugno 2021

Turismo
Turismo

Estesa la possibilità di utilizzare il tax credit vacanze fino al 30 giugno 2021. A prevederlo è il sesto comma dell’art. 5 del decreto Ristori (Dl 28 ottobre 2020, n. 137, nel momento in cui si scrive non ancora convertito in legge) che, nel modificare l’art. 34 del decreto legge 19 maggio 2020, ha previsto non soltanto la possibilità di utilizzare il tax credit vacanze fino al 30 giugno 2021 ma ha anche disposto che, ai fini della concessione, siano prese in considerazione le domande presentate entro il 31 dicembre 2020.

Disciplina del tax credit vacanze

Per gli anni 2020 e 2021 è riconosciuto il cd. Tax credit vacanze ossia un credito in favore dei nuclei familiari con ISEE in corso di validità ordinario o corrente non superiore a 40mila euro da utilizzare per il pagamento di servizi offerti in ambito nazionale dai bed & breakfast (nonché dalle imprese turistico ricettive e dagli agriturismo).
Ai sensi di quanto previsto dal comma 1, art. 176 del decreto legge 34/2020, come modificato dal sesto comma, art. 5 del decreto legge 137/2020, il credito è riconosciuto una sola volta. È, pertanto, esplicitamente stabilito che i soggetti che ne abbiano beneficiato nel corso del 2020 non possano più richiederlo per il 2021. In ogni caso, il tax credit vacanze può essere utilizzato fino al 30 giugno 2021.
Con l’inserimento del nuovo comma 5-bis al predetto art. 176, diviene di fondamentale importanza la data di presentazione della domanda di concessione dell’agevolazione. Infatti, il legislatore, se da un lato estende l’utilizzo del credito, dall’altro limita la concessione dell’agevolazione alle sole domande che siano presentate entro il 31 dicembre 2020.

Misura del tax credit vacanze

Il tax credit vacanze può essere utilizzato da un solo componente per nucleo familiare ed è attribuito nella seguente misura massima:

  1. euro 150 per nuclei familiari composti da una sola persona;
  2. euro 300 per i nuclei familiari composti da due persone;
  3. euro 500 per i nuclei familiari composti da tre o più persone.

Modalità di fruizione del tax credit vacanze

Il gestore del bed & breakfast che intende accettare il tax credit vacanze consente la fruizione del bonus nella misura dell’80%. Tale importo verrà rimborsato sotto forma di credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione. È prevista, inoltre, la facoltà di cedere il credito a soggetti terzi, anche diversi dai propri fornitori di beni e servizi, nonché a istituti di credito o intermediari finanziari. Per maggiori dettagli si rimanda alla lettura del libro Bed & breakfast e affittacamere all'interno del quale è stato trattato, in maniera particolarmente dettagliata, l'istituto del tax credit vacanze.

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento