Scadenze fiscali dicembre 2021, in arrivo acconto IVA e saldo IMU

Scadenze dicembre 2021
Scadenze dicembre 2021

Saranno l’acconto IVA e il saldo dell’IMU ad attirare l’attenzione di imprenditori e professionisti in riferimento alle scadenze di dicembre 2022. Ma le scadenze fiscali di fine anno non si esauriscono qui. Da segnare in calendario anche il versamento delle ritenute Irpef e il pagamento dei contributi Inps. E a proposito di calendario: se devi gestire le scadenze di qualsiasi tipo, ti suggerisco l'utilizzo di un pratico file. Si tratta di uno scadenzario Excel gratuito. Grazie alla sua semplicità riuscirai a tenere traccia di tutte le scadenze senza correre il rischio di saltarne qualcuna. Vai alla pagina Scadenzario Excel download gratis e scaricalo subito. Ecco, adesso, le scadenze fiscali di dicembre 2021.

SULLO STESSO ARGOMENTO
Obblighi e adempimenti IVA nelle operazioni nazionali Obblighi e adempimenti IVA nelle operazioni nazionali
Primiceri Editore, 2020
€ 15,00
Guida al rimborso dell'IVA Guida al rimborso dell'IVA
Maggioli Editore, 2019
€ 15,00
Reverse charge Reverse charge
LavoroImpresa.com, 2017
€ 4,99

Versamento saldo IMU 2021

Fra le scadenze del mese di dicembre 2021 occorre rivolgere particolare attenzione al saldo IMU il cui versamento è previsto per il 16 dicembre. Il calcolo della seconda rata dell’IMU dovrà essere effettuato tenuto conto delle aliquote 2021 pubblicate dal Comune. In caso di variazione in aumento rispetto alle aliquote relative al 2020, dovrai versare il conguaglio dovuto in relazione all’IMU pagata in acconto.

Chiamati a eseguire il versamento sono i soggetti che possiedono fabbricati, esclusa l’abitazione principale (salvo che si tratti di un’unità abitativa classificata nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9), aree fabbricabili e terreni agricoli.

Ai fini del calcolo devi tenere conto di eventuali esenzioni o riduzioni.

Versamento IVA, Irpef e Inps

Entro il 16 dicembre occorre procedere al versamento dell’IVA, dell’Irpef e dei contributi Inps. La scadenza riguarda i contribuenti titolari di partita IVA e i sostituti d’imposta.

Per il versamento Irpef devi tenere conto delle ritenute alla fonte a titolo d’acconto che hai operato in qualità di sostituto d’imposta su:

  • redditi di lavoro dipendente e assimilati corrisposti nel mese precedente. Oltre alle ritenute il sostituto d’imposta devi versare anche le addizionali comunali e regionali;
  • redditi di lavoro autonomo corrisposti nel mese precedente, provvigioni per rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione e di rappresentanza corrisposte nel mese precedente. Il codice tributo da utilizzare in questo caso è 1040 con periodo di competenza 11/2021.

I contributi Inps da versare sono quelli dovuti dal datore di lavoro sulle retribuzioni corrisposte nel mese precedente.

Infine, sempre entro il 16 dicembre, i contribuenti con liquidazione IVA mensile dovrai effettuare il versamento dell’imposta dovuta per novembre 2021. Il pagamento dovrà essere effettuato con modello F24 indicando il codice tributo 6011 nella sezione Erario.

Versamento acconto IVA

Entro il 27 dicembre occorre procedere al versamento dell’acconto IVA. Il calcolo avviene secondo tre differenti metodi:

  • metodo storico: l’acconto IVA è pari all’88% dell’IVA versata per il mese o trimestre dell’anno precedente;
  • metodo previsionale: calcolo acconto IVA in base ad una previsione delle operazioni effettuate nell’ultima parte del 2021, mese o trimestre sulla base del tipo di contribuente. Anche in questo caso bisognerà versare l’88% dell’imposta dovuta;
  • metodo analitico: il calcolo si basa sulle operazioni effettuate entro il 20 dicembre 2021 e l’acconto è pari al 100% dell’importo derivante dalla liquidazione che tiene conto dell’IVA relativa alle seguenti operazioni:
    1. operazioni annotate nel registro delle fatture emesse (o dei corrispettivi) dal 1° dicembre al 20 dicembre (se si tratta di contribuenti mensili) o dal 1° ottobre al 20 dicembre (se si tratta di contribuenti trimestrali);
    2. operazioni effettuate, ma non ancora registrate o fatturate, dal 1° novembre al 20 dicembre;
    3. operazioni annotate nel registro delle fatture degli acquisti dal 1° dicembre al 20 dicembre (se si tratta di contribuenti con IVA mensile) o dal 1° ottobre al 20 dicembre (se si tratta di contribuenti con IVA trimestrale).

Puoi avere maggiori informazioni in merito al versamento dell’acconto IVA (e, comunque, in riferimento a tutta la disciplina dell’imposta sul valore aggiunto) nel libro che ho scritto per Primiceri Editore dal titolo Obblighi e adempimenti IVA nelle operazioni nazionali. Il testo, un utile manuale per imprenditori e professionisti, espone le caratteristiche e i principali riferimenti legislativi in materia di IVA.

Intrastat

Scade il 27 dicembre 2021, il termine per l’invio degli elenchi Intrastat da parte degli operatori intracomunitari con obbligo mensile. La scadenza riguarda la trasmissione degli elenchi riepilogativi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel mese precedente nei confronti di soggetti UE.

Gli elenchi Intrastat possono essere presentati esclusivamente in via telematica all’Agenzia delle Dogane mediante il Servizio Telematico Doganale E.D.I. (Electronic Data Interchange) oppure all’Agenzia delle Entrate sempre mediante invio telematico.

ARTICOLI CORRELATI

Argomenti: 

Aggiungi un commento