Reverse charge: arriva la proroga al 2026

Reverse charge
Reverse charge

Con direttiva UE 2022/89, il meccanismo del reverse charge è stato prorogato fino al 2026. Gli Stati membri possono stabilire che il debitore dell’imposta sia il soggetto passivo nei cui confronti sono effettuate le operazioni assoggettate al meccanismo dell'inversione contabile.

SULLO STESSO ARGOMENTO
Obblighi e adempimenti IVA nelle operazioni nazionali Obblighi e adempimenti IVA nelle operazioni nazionali
Primiceri Editore, 2020
€ 15,00
Guida al rimborso dell'IVA Guida al rimborso dell'IVA
Maggioli Editore, 2019
€ 15,00
Reverse charge Reverse charge
LavoroImpresa.com, 2017
€ 4,99

Il reverse charge consente al prestatore di non assolvere l’IVA, che resta in capo al cessionario o committente, relativamente a talune operazioni. Più nel dettaglio, il meccanismo si applica a prestazioni nel settore edile, alle cessioni di fabbricati, ai servizi di pulizia, alla manutenzione e installazione relative a edifici e consorzi aggiudicatari di commesse pubbliche, alla vendita di telefonini, console, tablet, laptop e microprocessori, alle vendite a ipermercati, supermercati e discount alimentari.

La direttiva in commento proroga fino al 31 dicembre 2026 anche il meccanismo di reazione rapida (Quick Reaction Mechanism – QRM) contro le frodi IVA.

ARTICOLI CORRELATI

Argomenti: 

Aggiungi un commento