Lotta all'evasione e fatturazione elettronica: prossimi obiettivi del Fisco

Fisco
Fisco

Il Fisco affila le armi contro gli evasori fiscali e lo fa attingendo alle informazioni contenute nei database di Banca d'Italia, Consob e Ivass. Ma punta anche a rafforzare la cooperazione con le amministrazioni finanziarie degli altri Paesi contro le frodi e l'erosione della base imponibile e ad estendere l'uso della fatturazione elettronica. Sono queste alcune delle novità che potrebbero interessare il Fisco nel corso dei prossimi mesi.

Piano antievasione

Il governo ha studiato un piano antievasione: raccolta delle informazioni di BankItalia, Consob e Ivass; rafforzamento della cooperazione con le amministrazioni finanziarie degli altri Paesi contro le frodi e l'erosione della base imponibile; revisione degli studi di settore; maggiore impulso alla fatturazione elettronica e allo scontrino telematico.

Cooperazione tra amministrazioni finanziarie

Il Fisco continuerà a scommettere sul potenziamento dello scambio di informazioni. In particolare l'Agenzia delle Entrate punta ad acquisire informazioni di natura creditizia, finanziaria e assicurativa. L'obiettivo è quello di mettere a disposizione del Fisco gli elementi utili a scardinare i fenomeni di elusione più complessi basati prevalentemente su operazioni societarie e finanziarie. Ma la forma di collaborazione dovrebbe estendersi anche con le amministrazioni finanziarie estere e, in tal modo, si punterà a far emergere frodi fiscali internazionali.

Fatturazione elettronica

Anche la fatturazione elettronica assumerà un ruolo chiave nei prossimi giorni. Il piano antievasione, infatti, attribuisce grandi potenzialità alla fattura elettronica, divenuta obbligatoria per un primo gruppo di Pubbliche Amministrazioni dallo scorso 6 giugno. L'ipotesi è che la tappa successiva prevista a marzo 2015 porti ad un maggiore utilizzo tra privati e questo permetterebbe di effettuare con maggiore facilità e immediatezza riscontri automatici sui documenti emessi e sui corrispettivi.

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento