Immobili in affitto: arriva la cedolare secca

Affitti
Affitti

Lo scorso mese di aprile è entrato in vigore il decreto legislativo sul federalismo municipale che ha introdotto una delle maggiori novità fiscali del corrente anno. Stiamo parlando del nuovo meccanismo della cedolare secca sugli affitti. In questo modo si ha la possibilità di pagare sui redditi di locazione un’imposta sostitutiva del 19% per canoni concordati o del 21% invece dell’imposta calcolata con le aliquote Irpef ordinarie.

Interessati sono sicuramente i proprietari di immobili dati in locazione che dovranno indicare per iscritto, al momento della registrazione del contratto di acquisto, il regime per il quale hanno deciso di optare e che si troveranno a fare un calcolo di convenienza prima dell’adozione dell’opzione.

La cedolare secca sostituisce l’Irpef, le addizionali comunale e regionale, l’imposta di registro e l’imposta di bollo. Al loro posto si pagherà un’imposta sostitutiva pari al 21% del canone di affitto. L’imposta si ridurrà al 19% per i contratti a canone concordato nelle città ad alta densità abitativa. L’opzione è facoltativa e la scelta spetta al locatore.

Per coloro che registrano un nuovo contratto di locazione l’opzione per la cedolare verrà esercitata in sede di registrazione. La scelta e la registrazione del contratto potranno essere fatte on line tramite Siria, il servizio Web dell’Agenzia delle Entrate. Per le locazioni già in essere il locatore dovrà indicare la scelta nella dichiarazione dei redditi dell’anno prossimo.

Il meccanismo della cedolare secca è molto flessibile. Il contribuente non è vincolato alla scelta effettuata al momento della registrazione del contratto sebbene l'opzione rimanga valida per tutta la durata del contratto. Annualmente, infatti, il contribuente potrà decidere di revocare la propria scelta. In presenza di comproprietari, inoltre, ognuno potrà decidere individualmente l’opzione cui aderire. Se, invece, un proprietario ha diversi immobili può scegliere di farne rientrare solo alcuni all’interno della cedolare secca.

Al meccanismo della cedolare secca possono aderire solo le persone fisiche: sono esclusi i lavoratori autonomi e le imprese. L’oggetto del contratto deve essere un immobile abitativo: tutte le tipologie diverse sono escluse da questa tipologia di tassazione.

Tags: 

Aggiungi un commento