5 consigli pratici ed efficaci per delegare con successo

Delegare con successo
Delegare con successo

Se sei un professionista il problema del tempo e della sua gestione è probabilmente uno dei tuoi dilemmi quotidiani. Non è facile, infatti, gestire ogni aspetto del proprio business da soli. Soprattutto non sarà facile monitorare e svolgere al meglio tutte quelle attività che non rientrano nella propria competenza. L’errore più comune che si può fare all’inizio è voler imparare tutto e gestire ogni aspetto del proprio business da soli.

Non importano le scuse: “io sono un perfezionista..”, “mi piace prendermi le mie responsabilità”, “preferisco imparare senza pagare esterni”, alla fine ti ritroverai sommerso da carte, compiti e mansioni e rischierai di perdere il focus da quella che è la tua attività principale. Basta ricordarsi della regola di Pareto. L’80% dei tuoi risultati deve venire dal 20% dei tuoi sforzi. Se non impari a delegare, semplicemente fai un danno a te stesso e alla tua attività.

Ecco quindi 5 consigli pratici.

1 Definisci le mansioni in maniera precisa

Definisci i compiti e le mansioni da svolgere per ognuno dei tuoi collaboratori. Il consiglio è sempre quello di mantenersi abbastanza larghi. Tendenzialmente si può delegare per area di competenza.
In questo modo si avranno collaboratori affiatati e motivati.

2 Definisci le tue modalità di lavoro

Definire le modalità di lavoro aiuta anche il collaboratore a comprendere quando e quanto gli sarà richiesta la sua competenza e quanto tempo gli porterà via.
Questo ti aiuterà non solo a capire se il collaboratore è in linea con le tue esigenze ma anche in fase di contrattazione del compenso dovuto.

3 Definisci le aspettative e gli obbiettivi

Insieme con le mansioni e le modalità di lavoro, è importante chiarire quali risultati aspettarsi da ciascun collaboratore. È importante chiarire bene quest’aspetto per evitare delusioni future sia dall’una che dall’altra parte.

4 Insegna, aiuta e gratifica

Cercare collaboratori nella tua carriera ti insegna un po’ anche ad essere manager. Un buon manager, per l’appunto, gratifica, aiuta, collabora, corregge e consiglia per migliorare il risultato finale della collaborazione. Da una parte non bisogna evitare di proporre il proprio aiuto e di rendersi quanto più reperibili possibili per i propri collaboratori; dall’altra è bene tutelare il proprio tempo e il proprio sforzo. Se vi affidate a dei professionisti tuttavia non preoccupatevi: riuscirete a raggiungere i vostri obbiettivi in tempi brevi.

5 Dai priorità agli aspetti del tuo business che vuoi delegare

È chiaro che all’inizio non si può delegare tutto e sarebbe del resto una scelta poco efficiente.
Tuttavia ci sono delle mansioni che è meglio delegare fin da subito. La reperibilità aziendale è probabilmente una di queste. Controllare continuamente il proprio cellulare o la propria casella postale può risultare deleterio per la propria produttività ed efficienza. Non a caso l’85% dei manager menziona chiamate e messaggi come principale fonte di distrazione dei propri dipendenti.

Dunque, per essere produttivi occorre bilanciare reperibilità e focus.
Un’ottima alternativa all’assumere una vera segretaria, è MySecretary, un’app che ti mette a disposizione una segretaria personale che risponde alle tue chiamate del cellulare ogni volta che non puoi.

5 (+1 bonus) Massimizzate i tempi e i processi

Delegare deve essere un procedimento volto alla massimizzazione del vostro tempo e al raggiungimento di una maggiore efficienza produttiva. Se spendi troppo tempo a svolgere i precedenti passaggi vuol dire che o stai sbagliando qualcosa nell’intero iter oppure non ti trovi adeguatamente bene con la persona con la quale hai deciso di collaborare. Guarda i consigli e i punti sopra descritti non in maniera cronologica ma come processi da seguire e implementare passo dopo passo.

Speriamo che questi consigli possano aiutare te e il tuo business a svilupparsi al meglio.
E tu? Hai altri consigli per chi inizia o prova a delegare qualcosa a qualcuno?
Scrivilo nei commenti.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento