Come ricevere l’indennità mensile per i professionisti ISCRO

Indennità ISCRO per professionisti
Indennità ISCRO per professionisti

L'ISCRO è una indennità straordinaria (che il legislatore definisce “di continuità reddituale e operativa”) che possono ricevere, a determinate condizioni, i lavoratori professionisti. Introdotta in via sperimentale dalla legge di bilancio 2021, l’ISCRO tenta di attenuare gli effetti della crisi economica generata dall’epidemia da COVID-19 sui lavoratori autonomi.

Soggetti beneficiari dell’ISCRO

L’art. 1, c. 386 della legge 30 dicembre 2020, n. 178 (legge di bilancio 2021) ha istituito l’ISCRO, l’indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa. Si tratta di una misura sperimentale, prevista fino alla fine del 2023 e riconosciuta ai soggetti iscritti alla Gestione separata che esercitano per professione abituale l'attività di lavoro autonomo.

Requisiti per il bonus ISCRO

Il sussidio ISCRO è mensile ed è riconosciuto, su domanda, dall’INPS. Possono presentare la domanda i lavoratori che:

  1. non siano titolari di trattamento pensionistico diretto e non siano assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie;
  2. non siano beneficiari di reddito di cittadinanza;
  3. abbiano prodotto un reddito di lavoro autonomo, nell'anno precedente alla presentazione della domanda, inferiore al 50% della media dei redditi da lavoro autonomo conseguiti nei tre anni precedenti all'anno precedente alla presentazione della domanda;
  4. abbiano dichiarato, nell'anno precedente alla presentazione della domanda, un reddito non superiore a 8.145 euro, annualmente rivalutato sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati rispetto all'anno precedente;
  5. siano in regola con la contribuzione previdenziale obbligatoria;
  6. siano titolari di partita IVA attiva da almeno quattro anni, alla data di presentazione della domanda, per l'attività che ha dato titolo all'iscrizione alla gestione previdenziale in corso.

Domanda per l’indennità ISCRO

L’indennità ISCRO è riconosciuta dall’INPS ed è all'Istituto che occorre presentare la domanda. Il lavoratore in possesso dei requisiti deve presentare la domanda, per via telematica, entro il 31 ottobre di ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023. Con la presentazione della domanda il professionista certificherà i redditi prodotti negli anni di interesse.

È opportuno chiarire che la presentazione della domanda per accedere all’indennità ISCRO è subordinata all’approvazione di un decreto attuativo. Nel momento in cui si scrive il decreto non è ancora stato approvato e, pertanto, non è possibile trasmettere domanda all’INPS.

Importi del bonus ISCRO

L’indennità ISCRO è pari al 25%, su base semestrale, dell'ultimo reddito certificato dall'Agenzia delle entrate e spetta a decorrere dal primo giorno successivo alla data di presentazione della domanda. È erogata per sei mensilità e non comporta accredito di contribuzione figurativa.

Previsti, tuttavia, importi minimi e massimi. L’ISCRO, infatti, non potrà essere inferiore a euro 250 mensili e non potrà superare euro 800. Entrambi gli importi sono rivalutati annualmente.

Il bonus ISCRO può essere chiesto una sola volta nell’arco dei tre anni.

Novità sull’indennità ISCRO

L’indennità ISCRO e tutte le novità previste in materia di ammortizzatori sociali e misure di sostegno al reddito (anche in riferimento alla cassa integrazione COVID) sono contenute in un e-book di facile consultazione dal titolo Ammortizzatori sociali e misure a sostegno del reddito.

Articoli correlati

Argomenti: 

Aggiungi un commento