Guida ai requisiti per andare in pensione

Requisiti pensione
Requisiti pensione

Il sistema delle pensioni prevede che si possa abbandonare il lavoro solo quando si maturano i requisiti che, in linea di massima, sono condizionati dall'età pensionabile e dall'anzianità contributiva. Chi vuole andare in pensione, pertanto, dovrà tenere conto non soltanto della propria età anagrafica ma deve anche avere maturato un minimo contributivo. Ecco, allora, una semplice guida ai requisiti per andare in pensione.

I trattamenti pensionistici non sono soltanto quelli basati sull'età pensionabile che contrassegna le pensioni di vecchiaia ma anche quelle legate all'anzianità contributiva ossia le cd. pensioni di anzianità che oggi prendono il nome di pensioni anticipate.

Il sistema pensionistico non si basa soltanto sull'età anagrafica ma richiede anche un minimo contributivo. Nel corso degli anni, il legislatore ha introdotto altre tipologie di pensionamenti anticipati. Per taluni di questi sono previsti oneri a carico dei settori o dei datori di lavoro destinatari.

La suddivisione tra vecchi e nuovi iscritti, ossia tra coloro che possono vantare contributi obbligatori accreditati prima e dopo il 1996, comporta l'applicazione di sistemi di calcolo differenti, di un massimale contributivo, di diversi strumenti per sommare o cumulare i contributi accreditati in gestioni diverse, dell'applicazione o meno dell'opzione contributiva e di un diverso sistema di calcolo degli oneri di riscatto.

Come meglio rappresentato da Pietro Gremigni autore del libro Guida pratica pensioni edito da Il Sole 24 Ore, quello riportato di seguito è il quadro riassuntivo dei requisiti e delle scadenze 2021 per gli iscritti all'Ago e alle gestioni esclusive e sostitutive.

Vecchi iscritti: requisiti Nuovi iscritti: requisiti Scadenza
Pensione vecchiaia 67 anni di età
20 anni di anzianità contributiva
67 anni di età
20 anni di anzianità contributiva
Importo minimo pensione maturato pari a 1,5 volte l'assegno sociale
Oppure
71 anni e 5 anni di anzianità contributiva
===
Pensione anticipata ordinaria 41 anni e 10 mesi (donne)
42 anni e 10 mesi (uomini) di anzianità contributiva
41 anni e 10 mesi (donne)
42 anni e 10 mesi (uomini) di anzianità contributiva
Oppure
64 anni di età
20 anni di anzianità contributiva
Importo minimo pensione maturato pari a 2,8 volte l'assegno sociale
===
Pensione anticipata quota 100 Almeno 38 anni di anzianità contributiva e 62 anni di età per un totale di 100 === 31 dicembre 2021
Pensione anticipata precoci 41 anni di anzianità contributiva 41 anni di anzianità contributiva ===
APE sociale 63 anni di età e almeno 30 o 36 anni di anzianità contributiva in base alla categoria destinataria === 31 dicembre 2021
Pensione anticipata lavori usuranti 62 anni e 7 mesi e almeno 35 anni di anzianità contributiva per un totale di 98,6 62 anni e 7 mesi e almeno 35 anni di anzianità contributiva per un totale di 98,6 ===

Per andare in pensione, dunque, sono necessari 67 anni di età. È opportuno fare presente che il predetto requisito non rimane per sempre tale. Con l'entrata in vigore della legge 214/2011, infatti, molti requisiti pensionistici subiscono un aggiornamento automatico legato alla cd. speranza di vita. In pratica, in base all'andamento demografico registrato dall'Istat, i requisiti vengono aggiornati.

In funzione del dato accertato dall'ISTAT, gli attuali requisiti di età pensionabile nonché di anzianità contributiva in funzione anche dei trattamenti in cumulo o totalizzati, valgono fino alla fine del 2022 (D.M. 5 novembre 2019).

Ed è proprio in riferimento alla speranza di vita che occorre spendere qualche parola in più. Nel giro di un secolo la situazione demografica si è completamente ribaltata. Negli anni '50 si contavano molti più giovani e giovanissimi. Nel 2050, con molta probabilità, la situazione potrebbe essere esattamente all'opposto. E questo comporterà inevitabilmente una impennata della spesa previdenziale.

ARTICOLI CORRELATI

Argomenti: 

Aggiungi un commento