E-commerce in Italia: definizione e vantaggi

E-commerce
E-commerce

Internet, e in particolare l'e-commerce, ha cambiato il nostro modo di fare affari: si frequenta uno spazio virtuale e si conoscono nuove persone con le quali instaurare rapporti interattivi che potrebbero riguardare anche aspetti economici. Il numero di soggetti coinvolti dal processo è praticamente illimitato: aziende, istituzioni pubbliche e consumatori privati. Il risultato sono vantaggi numerosi sia per chi compra, sia per chi vende. Ho pensato a questo articolo perché credo possa rappresentare un punto di partenza nello studio dell'e-commerce o nell'avvio di una nuova attività in Italia che si fonda sul commercio elettronico.

Cos'è l'e-commerce

Grazie ad Internet ognuno può entrare in collegamento con una serie di servizi pubblici o commerciali e con numerose forme di informazione. Tutto ciò ha favorito lo sviluppo di una forma commerciale a livello internazionale, poiché ha permesso l'abbattimento delle barriere geografiche, che prende nome di e-commerce.
L'e-commerce o commercio elettronico è l'insieme delle transazioni effettuabili in via telematica relative alle cessioni di beni e alla prestazione di servizi. Con l'e-commerce si eseguono transazioni commerciali su reti elettroniche con relativo scambio di beni e servizi. In pratica nell'e-commerce due o più contraenti interagiscono per via elettronica, si scambiano servizi e svolgono attività commerciali a distanza in cambio di un corrispettivo effettuato anch'esso tramite dispositivi elettronici.
Manager e consumatore, quindi, interagiscono per via elettronica e la conclusione dei contratti avviene direttamente online, senza alcun contatto fisico e in totale assenza dei tradizionali documenti cartacei. Con il termine e-commerce, tuttavia, non dobbiamo intendere la sola transazione dell'operazione ma anche altre fasi del rapporto commerciale quali ad esempio la ricerca del cliente, la negoziazione, le scritture formali, la consegna elettronica del servizio e il pagamento. Sono tutte fasi, compresa quella di assistenza post vendita, che rientrano pienamente nel commercio elettronico.

L'imprenditore che vuole avviare un'attività di commercio elettronico deve avere chiaro in mente le diverse forme di e-commerce. In base ai soggetti che partecipano alle transazioni l'e-commerce prende diversi nomi:

  • B2B – Business to Business: è la forma più tradizionale di e-commerce che avviene tra aziende;
  • B2C – Business to Consumer: il commercio elettronico è rivolto al consumatore finale. Fra questa tipologia di e-commerce rientrano anche i servizi bancari e il trading;
  • C2C – Consumer to Consumer: lo scambio avviene tra consumatori finali;
  • B2Pa – Business to Public Administration: rappresenta i rapporti instaurati tra imprese e Pubbliche Amministrazioni.

Vantaggi dell'e-commerce

A differenza di qualche anno fa, oggi sono numerosissime le transazioni che avvengono per via elettronica. L'e-commerce, infatti, si affianca sempre più alle tradizionali forme di commercio: il consumatore finale riesce a trovare e confrontare in Rete prodotti in brevissimo tempo. Se interessato può procedere all'acquisto senza necessariamente muoversi dalla propria abitazione o dal proprio ufficio. Inoltre il consumatore non è più vincolato a specifici orari, quindi può effettuare l'acquisto nel momento in cui gli è più comodo.
Ma i vantaggi non sono solo per chi compra. L'e-commerce, infatti, offre un grande aiuto all'imprenditore di successo: il venditore ha modo di accedere ad un mercato globale e vendere in tutto il mondo senza confini, i tempi di vendita sono notevolmente ridotti, si presentano offerte mirate a particolari settori, si possono raggiungere facilmente nicchie di consumatori, si risparmia sui costi di intermediazione e di marketing, si hanno nuove opportunità di business.
Prima di concludere riporto una tabella tratta dal libro L'Iva nell'e-commerce e la fatturazione elettronica nel quale gli autori, Benedetto Santacroce e Simona Ficola, evidenziano i vantaggi di vendere online.

Vantaggi per il cliente Vantaggi per l'imprenditore
Ampia scelta, con possibilità di ottenere informazioni dettagliate su prodotti e servizi richiesti Presenza nel mercato globale
Qualità del servizio Maggiore competitività, grazie alla riduzione dei tempi per il ciclo di vendita/consegna
Beni o servizi personalizzati Offerte mirate a particolari settori
Riduzione sui prezzi, con possibilità di comparare le offerte di fornitori diversi Risparmi sui costi di intermediazione e marketing
Nuovi prodotti e servizi Nuove opportunità di business

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento