Cresce il mercato del lavoro: ad aprile più contratti e assunzioni

Lavoratori
Lavoratori

Cresce il mercato del lavoro ad aprile 2015. Si tratta di circa 210.000 contratti in più ma si tratta, soprattutto, di un maggior utilizzo del contratto a tempo indeterminato. Sono gli effetti del Jobs Act, la riforma del lavoro che, da qualche anno, il premier Matteo Renzi sta portando avanti.

Ad aprile 2015 sono stati firmati 756.926 contratti. Togliendo i licenziamenti e i pensionamenti dello stesso periodo raggiungiamo un saldo positivo pari a circa 210.000. Si tratta del numero dei contratti in più stipulati nel solo mese di aprile di quest'anno. Sono 7.000 in più rispetto alla differenza tra attivazioni e cessazioni segnata nello stesso periodo dell'anno scorso.

Limitando l'analisi alle sole assunzioni a tempo indeterminato, ad aprile 2015 sono state 171.515 che, al netto delle cessazioni, raggiungono la quota di circa 48.000. Confrontando tale valore con lo stesso periodo dell'anno precedente abbiamo un risultato sorprendente: ad aprile 2014 il saldo era addirittura negativo con 6.000 cessazioni in più rispetto alle assunzioni.

Le assunzioni con il nuovo contratto a tempo indeterminato sono state pari al 22,7% del totale mentre nello stesso periodo dell'anno scorso si attestavano ad una percentuale pari al 15,7%. Infine, nel corso del mese di aprile 2015 si sono verificate 35.883 stabilizzazioni ossia contratti a tempo determinato trasformati a tempo indeterminato. Quasi il doppio di quelle registrate l'anno scorso.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento