Fare trading con le azioni Amazon: quotazioni e previsioni

Trading Amazon
Trading Amazon

Uno dei titoli particolarmente osservati dai trader è indubbiamente Amazon. La società statunitense, infatti, ha registrato una crescita così elevata negli ultimi anni da divenire osservata speciale negli ambienti in cui si fa trading. Basti pensare che nel 2016 il titolo è cresciuto del 14% circa, nel 2017 di oltre il 50% e nel periodo 1° gennaio – 30 settembre 2018 di oltre il 70%. A ventuno anni dal suo debutto in Borsa (era il 15 maggio 1997), un investimento da 100 dollari ne varrebbe oggi oltre 120.000. Ma vediamo, allora, di conoscere quotazioni e previsioni per capire quanto conviene fare trading con le azioni Amazon.

Investire in azioni Amazon

Innanzitutto è opportuno tenere bene a mente che l’investimento in azioni è rischioso e può comportare la perdita di capitale anche di grossa entità. Chi si sta avvicinando soltanto adesso al trading oppure vuole approfondire le conoscenze sulla materia può far riferimento ad un nuovissimo libro fresco di stampa, scritto da Gianluca Defendi e intitolato Strategie operative per i mercati finanziari. Si tratta di un’opera completa ed esaustiva in riferimento al trading di breve termine su azioni, indici e Forex.

Prima di entrare in una posizione rialzista ovvero prima di acquistare le azioni di una società eseguo sempre una analisi fondamentale. Si tratta, in estrema sintesi, dello studio dei bilanci degli ultimi cinque anni necessario a farmi un’idea sulle potenzialità di crescita della società su cui voglio investire. Vediamo, quindi, più nel dettaglio il bilancio di Amazon.

Ricavi Amazon

I ricavi (Net sales) di Amazon sono dati prevalentemente da commissioni fisse o in percentuale alle vendite, commissioni di attività e interessi.

2013 2014 2015 2016 2017
74.452 88.988 107.006 135.987 177.866
(Valori espressi in milioni di dollari)

I ricavi includono le vendite di prodotti e di servizi. Si tratta, più nel dettaglio, delle vendite di prodotti e contenuti multimediali nonché di commissioni dei venditori di terze parti, abbonamenti ai contenuti digitali, servizi pubblicitari. Le vendite sono aumentate del 27% e del 31% nel 2016 e 2017, rispetto agli anni precedenti.

Reddito operativo Amazon

Ottimi risultati anche per il reddito operativo (Operating Income) che nel 2016 è raddoppiato rispetto all’anno precedente.

2013 2014 2015 2016 2017
745 178 2.233 4.186 4.106
(Valori espressi in milioni di dollari)

Costi Amazon

Fra le spese operative (Operating Expenses) sostenute da Amazon si hanno:

  • costi del venduto (Cost of sales): comprendono i prodotti di consumo, i costi dei contenuti digitali, le forniture per l'imballaggio, il centro di smistamento e la spedizione. Tra il 2016 e il 2017 Amazon ha registrato un aumento di tali costi dovuti, in linea di massima, all'incremento dei costi di produzione e di spedizione derivanti dall'aumento delle vendite;
  • costi di evasione (Fulfillment costs): comprendono i costi sostenuti per il funzionamento e il personale dei centri di evasione, centri di assistenza clienti, negozi fisici e costi di elaborazione dei pagamenti. L'aumento di tali costi tra il 2016 e il 2017, rispetto ai periodi precedenti, è dovuto principalmente all'aumento del volume delle vendite di prodotti e servizi nonché ai costi derivanti dall'espansione della rete, che include i negozi;
  • marketing: i clienti sono indirizzati verso il sito Web di Amazon attraverso una serie di canali di marketing online mirati (ricerca sponsorizzata, programma Associati, pubblicità online, pubblicità televisiva e altre iniziative);
  • tecnologia e contenuti (Technology and Content): include gli stipendi degli impiegati e i costi delle infrastrutture (server, apparecchiature di rete, affitti, servizi di pubblica utilità). L'aumento di tali costi nel 2016 e 2017 rispetto ai periodi precedenti è dovuto principalmente all'aumento del costo del personale e all'aumento delle spese per l'infrastruttura tecnologica;
  • costi generali e amministrativi (General and Administrative);
  • altre spese (Other Operating Expense, Net).
Tipologia di spesa 2015 2016 2017
Cost of sales 71.651 88.265 111.934
Fulfillment 13.410 17.619 25.249
Marketing 5.254 7.233 10.069
Technology and content 12.540 16.085 22.620
General and administrative 1.747 2.432 3.674
Other operating expense, net 171 167 214
Total operating expenses 104.773 131.801 173.760
(Valori espressi in milioni di dollari)

Impiegati Amazon

Al 31 dicembre 2017 Amazon ha impiegato 566mila dipendenti a tempo pieno e part-time. I livelli di occupazione variano a causa di fattori stagionali che influenzano l’attività. Sono utilizzati, inoltre, collaboratori esterni e personale temporaneo.

Previsioni

Analizzando il bilancio di Amazon si rilevano le seguenti previsioni per il futuro:

  • i risultati sono imprevedibili e possono essere influenzati da molti fattori (fluttuazioni in tassi di cambio, cambiamenti nelle condizioni economiche globali e spesa dei clienti, eventi mondiali, tasso di crescita di Internet, commercio online e servizi cloud);
  • nel 2018 le vendite nette dovrebbero attestarsi tra $ 47,75 miliardi e $ 50,75 miliardi, o crescere tra il 34% e il 42% rispetto al primo trimestre 2017;
  • il reddito operativo dovrebbe essere compreso tra $ 300 milioni e $ 1,0 miliardi, rispetto a $ 1,0 miliardi nel primo trimestre 2017;
  • non si prevedono ulteriori acquisizioni aziendali, investimenti, ristrutturazioni.

Azioni e trading sul titolo Amazon

Le azioni ordinarie sono negoziate sul mercato Nasdaq con il simbolo "AMZN". Nel corso del 2017 le azioni Amazon hanno sfondato la soglia dei mille dollari; al terzo trimestre 2018 il loro valore ha raggiunto i 2mila dollari.

Nel corrente mese di ottobre il titolo è stato interessato da una presa di profitti e ha ripiegato dai 2.021,99 dollari (apertura del 1° ottobre 2018) ai 1.664,20 dollari (chiusura del 24 ottobre 2018), dove ha incontrato il supporto dalla media mobile a 200 giorni. Si tratta, tuttavia, di un calo che, in linea generale, ha interessato gran parte dei titoli quotati al Nasdaq.


Grafico Yahoo Finance

La società, come risulta evidente dai dati di bilancio, appare abbastanza solida e non stupirebbe se, nell’arco dei prossimi dodici mesi, il titolo andasse a sfiorare la soglia dei 3mila dollari. È, tuttavia, importante il momento in cui si entra (ovvero si esce) nella posizione. Tornano utili, in tale ambito, alcuni suggerimenti su indicatori e oscillatori in quanto strumenti preziosi per l’operatività poiché aiutano a comprendere il momento in cui il titolo è ai minimi (per procedere con l’acquisto) e il momento in cui si trova ai massimi (per procedere con la vendita). Gabrielle Bellelli può sicuramente raccontarvi meglio di me come fare trading con gli oscillatori.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento