Borsa: azioni e quotazione Enel

Enel
Enel

A gennaio del 2015 il titolo quotava euro 3,69; a dicembre 2019 il titolo ha raggiunto quota 7,07 euro. Una crescita del 90% in soli cinque anni. È Enel, la società dell’energia ai primi posti in Borsa per capitalizzazione, che da maggio 2014 è guidata dal CEO Francesco Starace. Una performance straordinaria per la società che nel 2019 ha presentato un margine operativo lordo di 17,9 miliardi e ricavi pari a 80 miliardi di euro.

Obiettivi raggiunti

Nel 2018 Enel ha proseguito lo sviluppo delle energie rinnovabili. In tale ambito, le tecnologie a emissione zero hanno contribuito a più del 50% della produzione annua, supportando l’obiettivo di riduzione di emissioni di CO2 (-11% rispetto al 2017).
La società è sempre più digitalizzata. Nel corso del 2018, infatti, sono stati installati 1,2 milioni di smart meter (c.d. contatori intelligenti). Quanto a mobilità elettrica, è proseguito il piano di installazione dell’infrastruttura di ricarica pubblica in Italia.
Importanti anche le operazioni straordinarie:

  • acquisizione di Eletropaulo, rinominata Enel Distribuição São Paulo, grazie alla quale il numero di utenti finali del Gruppo ha raggiunto i 73 milioni, in aumento dell’11% rispetto al 2017;
  • vendita di una partecipazione di maggioranza per 1,7 GW2 di capacità rinnovabile, in Messico;
  • cessione a F2i del 50% della joint venture EF Solare Italia per un corrispettivo di 214 milioni di euro;
  • vendita a F2i SGR dell’impianto a biomasse di Finale Emilia per 59 milioni di euro;
  • firma accordo per l’acquisizione di cinque impianti eolici in Galizia e Catalogna per una capacità totale di circa 132 MW.

Previsioni future

Nel novembre 2018 Enel ha presentato il Piano Strategico 2019-2021 che evidenziava un’accelerazione costante, con un obiettivo di EBITDA ordinario di Gruppo al 2021 di 19,4 miliardi di euro, rispetto ai 16,2 miliardi di euro del 2018 (+20%).
Previsti, inoltre, investimenti lordi totali pari a circa 27,5 miliardi di euro, in aumento del 12% rispetto al piano precedente.

Risultati economici

Il preconsuntivo 2019 approvato lo scorso 6 febbraio mostra una crescita del margine operativo lordo del 10%, a 17,9 miliardi. Nel periodo compreso tra il 2015 e il 2019, il Mol è crescito del 17% circa. Salgono anche i ricavi a quota 80 miliardi (+6,1%). A spingere tali performance sono state le attività della distribuzione, con particolare riferimento alla Eletropaulo, acquistata nel 2018.

Grafico Enel

L'ebitda, calcolato includendo anche le partite straordinarie, si è attestato a 17,7 miliardi.

Debiti

Rimane elevato l'indebitamento netto che segna quota 45,2 miliardi, in salita rispetto ai 41,1 miliardi di fine 2018, sebbene il rapporto tra debito ed Ebitda resta entro le 2,5 volte e l'esposizione è legata alla spinta agli investimenti che hanno determinato la crescita.
Nel 2020, i debiti raggiungeranno la soglia di 47,3 miliardi, spinti da investimenti e dal pagamento dei dividendi in costante crescita, che supereranno nel 2022 il valore di 4 miliardi complessivi (0,4 euro per azione) a fronte di un utile netto ordinario che toccherà 6,1 miliardi.

Andamento del titolo Enel

A gennaio 2020, con una quotazione di 8 euro, il titolo Enel ha superato il record toccato pochi mesi prima del crack della Lehman Brothers, quando il titolo raggiunse a Piazza Affari i 7 euro per azione. Va detto che l’apprezzamento degli investitori nei confronti del titolo è dovuto anche all’apertura dell’azionariato al capitale privato. Infatti, il Ministero dell’economia e delle finanze, sebbene continui a essere il socio di controllo, detiene una quota ridotta al 23,6%. Gli investitori istituzionali rappresentano il 57,6% mentre la quota degli investitori individuali è pari al 18,8%.

Nel gennaio 2020 Enel ha raggiunto il record storico di capitalizzazione toccando la soglia di 80 miliardi.
Tra il 2015 e il 2019 il titolo in Borsa ha guadagnato più del 90% passando dai 3,69 euro dell'apertura di gennaio 2015 ai 7,07 euro della chiusura di dicembre 2019. Ma le migliori performance del quinquennio, Enel le ha registrate nel 2019, anno in cui il titolo ha registrato una crescita del 40%.




Ed è proprio questa forte crescita che potrebbe indurre gli investitori a chiudere la posizione al rialzo e incassare i profitti. In tal caso, nel corso del 2020 il titolo andrebbe incontro ad una flessione e perderebbe parte del proprio valore anche fino a ridosso del supporto della MM50 (nel momento in cui si scrive, intorno a euro 7,35).

Guadagnare con le azioni Enel

Acquistare azioni Enel potrebbe essere un modo interessante per guadagnare: si acquistano le azioni quando si ritiene che il prezzo del titolo sia sufficientemente basso e si mantengono fino a quando si ritiene che il titolo abbia finito la sua corsa al rialzo. La differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita genera il profitto del trader.
Oggi, tuttavia, vorrei suggerirti un'altra soluzione per poter guadagnare con le azioni Enel: i CFD.
I CFD (Contract for difference) sono strumenti finanziari derivati che consentono di trarre vantaggio economico dalle variazioni di prezzo di un'attività finanziaria sottostante, quale può essere una azione. Il CFD, in sintesi, rappresenta un'operazione in cui le parti scambiano denaro sulla base della variazione di valore dell'attività sottostante che intercorre tra il punto in cui l'operazione è aperta e il momento in cui la stessa è chiusa. In estrema sintesi, attraverso i CFD si opera sulle differenze di prezzo dei contratti, guadagnando o perdendo in funzione della differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita del sottostante, moltiplicato per il numero dei CFD scambiati.
In tale ambito, ti suggerisco la lettura del libro CFD - Strategie di Trading dal quale ho estratto il seguente esempio e che, per concludere questo articolo, ti riporto:

Acquisto diretto di azioni Enel

  • prezzo di acquisto: 4,118 euro;
  • quantità acquistata: 2.000 azioni;
  • costo totale: 8.236 euro;
  • prezzo di vendita: 4,468 euro;
  • incasso totale: 8.936 euro;
  • guadagno per azione: 4,468 - 4.118 = 0,35 euro;
  • guadagno totale: 8.936 - 8.236 = 700 euro;
  • guadagno in percentuale: 8,50%.

Acquisto di CFD su azioni Enel

  • prezzo di acquisto: 4,118 euro;
  • quantità acquistata: 2.000 CFD;
  • margine richiesto: 5%;
  • costo totale: 411,80 euro;
  • quotazione Enel alla vendita: 4,468 euro;
  • guadagno per CFD: 4,468 - 4.118 = 0,35 euro;
  • guadagno totale: 2.000 x 0,35 = 700 euro;
  • guadagno in percentuale: 170%.

Articoli correlati

Tags: 

Aggiungi un commento