Procedura contabile per l'ammortamento dei beni strumentali

Ammortamento beni strumentali
Ammortamento beni strumentali

L’ammortamento è una procedura economico-contabile che prevede la ripartizione del costo dei beni strumentali per tanti anni quanto risulta essere la vita utile dei beni stessi attraverso una percentuale che prende nome di coefficiente di ammortamento.

I beni strumentali vengono inseriti in bilancio fra le attività dello stato patrimoniale e, proprio attraverso il processo di ammortamento, confluiscono nel conto economico. Per beni strumentali si intendono tutti quei beni la cui utilità non si esaurisce nell’arco di un solo esercizio come immobili, mobili, computer ma anche licenze per software e avviamento.

Nel passivo dello stato patrimoniale, invece, è allocato il fondo ammortamento che rappresenta la quota del bene strumentale già ammortizzata. In definitiva, il processo contabile dei cespiti coinvolge tre conti:

  • Immobilizzazione
  • Ammortamento
  • Fondo ammortamento

Si pensi, ad esempio, alla ditta Alfa S.r.l. che nel corso dell’esercizio n acquista mobili e arredi per un valore di euro 10.000. Il processo di ammortamento prevede un coefficiente del 20%, pertanto, il cespite risulterà interamente ammortizzato in cinque anni. La ditta Alfa S.r.l. si troverà in bilancio i seguenti valori:

Anno Mobili e arredi Ammortamento mobili e arredi Fondo ammortamento mobili e arredi
n 10.000,00 2.000,00 2.000,00
n+1 10.000,00 2.000,00 4.000,00
n+2 10.000,00 2.000,00 6.000,00
n+3 10.000,00 2.000,00 8.000,00
n+4 10.000,00 2.000,00 10.000,00

Dal prospetto si nota come il costo di acquisto rimane invariato nel corso degli anni, la quota di ammortamento risulta essere costante al 20% mentre il fondo ammortamento si incrementa proporzionalmente per quota di ammortamento annua. Al termine del quinto anno, nell’esercizio n+4, il cespite sarà interamente ammortizzato.

Tags: 

Aggiungi un commento