Aprire un centro estetico

Centro estetico
Centro estetico

Il centro estetico si occupa prevalentemente di trattamenti dimagranti ma anche cure termali, attività ginniche, servizi di solarium e massaggi, depilazione, trattamenti viso e corpo e bagno turco. E' un'attività abbastanza semplice, che permette di stare a contatto con tanta gente. Con questo articolo vi darò le informazioni più elementari per aprire un centro estetico, vi suggerirò i corsi da fare per accrescere le vostre conoscenze. Vi dirò, infine, come ottenere consigli e suggerimenti per fare diventare grande il vostro business.

Organizzazione del lavoro

Il centro estetico si occupa prevalentemente di trattamenti dimagranti ma anche cure termali, attività ginniche, servizi di solarium e massaggi, depilazione, trattamenti viso e corpo e bagno turco. La clientela è quasi esclusivamente formata da privati. La natura giuridica è solitamente rappresentata da società in cui operano quattro addetti. In minoranza si possono riscontrare anche ditte individuali con due addetti.
Gli spazi destinati all’attività sono di circa sessanta mq per l’attività fisica e sportiva e 40 mq per i locali destinati ad estetica. Sono inoltre presenti 40 mq di locali destinati a uffici, segreterie e reception nonché 35 mq destinati a spogliatoi, docce e servizi igienici.
I beni strumentali sono rappresentati da lettini per massaggi, apparecchi per il trattamento del calore ed elettrostimolatori.

Caratteristiche basilari dell'imprenditore di un centro estetico

I centri estetici si stanno rivalutando. Perfino le vecchie terme stanno via via abbandonando la visione medicale per la quale erano state concepite. Adesso si punta maggiormente al benessere fisico che contempla massaggi e trattamenti di diverso tipo. Aprire un centro estetico non è facile. Ci vuole intelligenza e spirito imprenditoriale. Bisogna guardarsi intorno. Sempre. Perché la concorrenza è spietata e, a volte, anche sleale. Occorre avere le idee chiare, sapere quale strada percorrere e in che tempi.

Formazione

Per essere competitivi sono necessari qualità, professionalità ma soprattutto formazione. Ecco, allora, che prendo in prestito dal libro Essere e benessere. Idee e strumenti per valorizzare una spa di Lucia Siliprandi e Cristina Viggè una serie di corsi rivolti a chi vuole avvicinarsi all’attività del benessere:

  • Federazione Nazionale Scuole di Shiatsu: è una delle più importanti associazioni europee del settore con sede a Milano e annovera tra gli associati circa 30 scuole italiane sparse su tutto il territorio. I corsi formativi per operatori Shiatsu prevedono l’obbligo di almeno 600 ore di lezione, 450 ore di tirocinio e superamento di un esame finale. Chi supera l’esame finale ha la possibilità dopo un anno di sostenere gli esami per l’accesso all’Albo professionale della Federazione Italiana Shiatsu;
  • Federazione Kriya Yoga: insegna a concentrarsi sullo studio del proprio corpo, della cellula e della creazione nonché di tutte quelle leggi fisiche e chimiche la cui comprensione conduce al principio divino in modo da riequilibrare corpo e psiche, riscoprire se stessi e il benessere quotidiano e aumentare la capacità di concentrazione, il controllo dell’emotività e la correzione dei vizi posturali;
  • Scuola di naturopatia: prevede lo studio dell’uomo nella globalità di corpo e mente in modo da aumentare l’autostima, il proprio talento, il rilassamento e la comunicazione. Si tratta di un corso triennale più un quarto anno facoltativo, che prevede corsi di perfezionamento e tirocinio;
  • Punture d’Aghi;
  • Kinesiologia.

Normativa e direttive da seguire

Il 30 luglio 2011 è entrata in vigore la norma interministeriale che stabilisce le direttive da seguire per chi vuole fare impresa in questo settore. In pratica, i centri di bellezza dovranno adeguarsi alle direttive stabilite che di seguito si riassumono.
Si è focalizzata l’attenzione sulla sicurezza poiché è stato fornito un elenco delle apparecchiature estetiche e delle relative schede tecnico-informative con finalità di utilizzo in campo estetico, le modalità di esercizio, le cautele d'uso e le conoscenze specifiche per l'utilizzatore di ciascuna tipologia di apparecchio. Attenzione, quindi, alle lampade UV-A in quanto sorgenti di radiazione ultravioletta soprattutto per gli effetti cronici a livello della pelle nonché ai rischi di effetti a lungo termine legati all’esposizione ultravioletta dei trattamenti. Divieto di utilizzare apparecchiature abbronzanti per i minori di 18 anni, donne in stato di gravidanza, soggetti che soffrono o hanno sofferto per neoplasie della cute, soggetti che non si abbronzano o che si scottano facilmente per esposizione al sole. Nei casi di utilizzo di apparecchi laser è molto importante che vengano utilizzate secondo le indicazioni e le avvertenze riportate nelle schede tecnico-informative. Il manuale d’uso delle apparecchiature è fondamentale al mantenimento del livello di sicurezza prescritto e dovrà contenere tutte le informazioni che consentono di verificare se un'apparecchiatura è installata in maniera adeguata e sicura, nonché le informazioni riguardanti la natura e la frequenza delle operazioni di manutenzione e di taratura necessarie per garantirne costantemente il buon funzionamento e la sicurezza. L'impiego di apparecchiature a luce pulsata per la fotodepilazione è riservato a personale con qualifica professionale e con preparazione teorico-pratica specifica, in grado anche di valutare preventivamente le idonee condizioni della cute del soggetto.

Consigli di business

Prima di concludere ho un suggerimento da darvi. Sono disponibili numerosi consigli per portare il bostro business al successo. Iscrivendovi gratuitamente al servizio riceverete nella vostra casella di posta elettronica ogni consiglio per il vostro business. I primi cinque utilissimi consigli sono già pronti. Scoprite adesso come ricevere idee e consigli per fare crescere il business.

Articoli correlati

Tags: 

Commenti

C'è davvero tantissima richiesta nel settore dell'estetica! Per cui aprire un centro di bellezza è un po' come andare a colpo sicuro. L'unico problema è l'investimento iniziale per avviare l'attività: ecco perché molti (me compreso) hanno optato per il franchising :)

Aggiungi un commento