Contabilità: anticipo su fatture e recupero crediti

Contabilità fatture
Contabilità fatture

Per far fronte alle necessità finanziarie di breve termine, le imprese adottano una operazione che consente loro di rendere liquidi i crediti commerciali aventi scadenze che si protraggono nel tempo. In questo modo, le imprese riescono a smobilizzare i crediti tramite la forma del finanziamento a breve termine denominata anticipo su fatture.

L’anticipo su fatture è, quindi, un’operazione mediante la quale una società smobilizza i crediti che ha nei confronti di un cliente cedendoli ad una banca che eroga una percentuale, solitamente compresa fra il 70% e il 90%, in anticipo rispetto alla reale scadenza del credito stesso. Al momento dell’incasso del credito da parte della banca, sarà erogata la quota restante. Per fare questo la società dovrà corrispondere alla banca interessi passivi.

Se il debitore non paga l'importo indicato in fattura, la banca potrà addebitare sul conto corrente dell'impresa le somme anticipate ovvero richiederne la restituzione.

Per usufruire dell'anticipo fatture occorre ottenere la preventiva concessione di un affidamento bancario e l'accensione di un apposito conto anticipi. Successivamente si possono presentare in banca le fatture emesse per le quali si vuole chiedere l'anticipo. La concessione dell'anticipo di una fattura elettronica avviene normalmente con la clausola salvo buon fine. In questo modo, se il debitore non provvederà a pagare l'importo la banca potrà addebitare sul conto corrente le somme anticipate ovvero richiederne la restituzione.

Sotto l'aspetto contabile, l'accredito comporta l'iscrizione di un debito verso la banca per l'importo anticipato mentre il credito originario nei confronti del cliente rimane aperto sino al momento dell'incasso. Il debito che l’impresa ha verso la banca deve essere inserito nello Stato Patrimoniale.

Si immagini la società Alfa S.r.l. che chiede alla propria banca un anticipo su fatture per un importo totale di euro 100.000. La banca anticipa l’80% al momento della richiesta, il resto al momento dell’incasso. Per l’operazione la banca addebita euro 1.000 a titolo di interessi.

Dare Avere
Banca X c/c 80.000,00
Banche c/anticipi 80.000,00
Dare Avere
Banche c/anticipi 80.000,00
Banca c/c 20.000,00
Crediti v/clienti 100.000,00
Dare Avere
Interessi passivi 1.000,00
Banca c/c 1.000,00

Per avere un quadro completo sulle scritture contabili aziendali ti suggerisco l'acquisto del Manuale delle scritture contabili scritto da Salvatore Giordano. È comodo da consultare, le voci (oltre 300!) sono state sistemate in ordine alfabetico e sono rintracciabili grazie alla pratica rubricatura presente a margine del testo. L'edizione è aggiornata con i più importanti provvedimenti del 2019, tra cui si segnalano i più recenti: il decreto fiscale (D.L. n. 124/2019, convertito in Legge n. 157/2019) e la legge di bilancio 2020 (Legge 27 dicembre 2019, n. 160). Un pratico manuale in grado di fornire le soluzioni applicative per qualsiasi tipo di scrittura contabile si presenti, in maniera logica e trasparente, senza mai confondere le norme civilistiche con quelle fiscali.

Articoli correlati

Tags: 

Commenti

ESAUSTIVO COMPLIMENTI, PROVVEDERò HA COMPRARE IL MANUALE

BEN SCRITTO

Aggiungi un commento