Come aprire un'impresa di pulizie

Impresa di pulizie
Impresa di pulizie

Rispetto delle procedure di avvio e dei requisiti. È questo il primo passo che devi compiere se vuoi aprire la tua impresa nel settore delle pulizie. In passato ho avuto modo di parlati dei passi necessari che devi compiere se vuoi aprire un negozio. In questo articolo ti parlerò del servizio che le imprese offrono non soltanto ai privati in ambito domestico ma anche alle imprese. Se stai pensando a quale attività aprire in questo momento di crisi, sappi che un’impresa nel settore delle pulizie potrebbe essere un ottimo investimento.

SULLO STESSO ARGOMENTO
Bed & breakfast e affittacamere Bed & breakfast e affittacamere
Maggioli Editore, 2020
€ 52,00 € 44,20
10 idee per ripartire 10 idee per ripartire
Fisco e Tasse - Maggioli Editore, 2020
€ 16,54
Come aprire un microbirrificio Come aprire un microbirrificio
Fisco e Tasse - Maggioli Editore, 2020
€ 15,50

L’attività delle imprese di pulizia

L’impresa di pulizie offre un servizio di fondamentale importanza e particolarmente apprezzato sia in ambito domestico che in quello aziendale. L’ultimo biennio, inoltre, l’attività di questa tipologia di imprese si è ampliato ancora di più. Infatti, anche se ormai non siamo più in emergenza COVID, alcune abitudini sono rimaste e sono molto frequenti le richieste di intervento per la disinfezione e la sanificazione dei locali.

E chi, se non le imprese di pulizie, può portare a termine con professionalità questo impegno? Inizia qui questa guida che ti dirà come aprire un'attività nel settore delle pulizie.

È importante, in tal senso, che le imprese di pulizie investano sulla formazione del personale. Gli operatori, infatti, devono essere in grado di saper utilizzare i macchinari e prodotti per la pulizia e la sanificazione dei locali interni ed esterni.

Cosa sapere prima di aprire un'attività

Se stai pensando come aprire un’agenzia di pulizie sappi che, prima di tutto, devi rispettare una serie di requisiti. Importante, quindi, il rispetto dei requisiti morali e professionali:

  • non essere stati condannati per i reati elencati nell’art. 2 della legge n. 82/1994;
  • non sia stata svolta o non sia in corso una procedura fallimentare;
  • non essere sottoposti a misure di prevenzione antimafia;
  • possesso di scuola secondaria superiore, diploma universitario o laurea in materia;
  • possesso di attestato di qualifica professionale;
  • esperienza almeno triennale in un’azienda del settore.

Apertura della partita IVA per le imprese di pulizie

Quando avrai accertato il possesso dei requisiti, per aprire un'impresa di pulizie dovrai procedere con l’apertura della partita IVA. Da questo momento in poi la tua attività acquisisce personalità giuridica e puoi iniziare la tua attività. L’apertura della partita IVA è una procedura abbastanza semplice e gratuita che puoi fare autonomamente oppure rivolgendoti ad un professionista esperto.

In molti mi chiedono a chi rivolgersi per aprire un'attività. Ovviamente in giro puoi trovare ragionieri e commercialisti pronti a darti una mano. Ma, credimi, se hai buona confidenza con la tecnologia non ti sarà difficile fare tutto da solo. E se ti serve un supporto puoi comunque fare affidamento sull’ebook Guida all'avvio di un'impresa che rappresenta per te un utile indirizzo per l’avvio e la gestione della tua attività d’impresa. Ricorda che per poter concludere l’intera operazione hai bisogno di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

La procedura online che dovrai completare per aprire una ditta di pulizie si chiama Comunica e, con una comunicazione unica, ti permette non soltanto di ottenere la partita IVA ma anche di trasmettere tutte le altre comunicazioni obbligatorie.

L’attività, quindi, si avvia tramite la presentazione della SCIA ossia la segnalazione certificata di inizio attività da trasmettere al Comune competente e con l’iscrizione dell’attività al Registro delle imprese della Camera di commercio.

Per ottenere la partita IVA dovrai compilare e trasmettere all’Agenzia delle entrate il modello AA9/12. Si tratta di un modello molto semplice da compilare: devi indicare alcune informazioni elementari. Fra questi è presente anche il codice ATECO ossia un codice che identifica in modo univoco il tipo di attività svolta. Per l'impresa di pulizie, il codice ATECO è quello con codice 81.21.00 denominato Pulizia generale (non specializzata) di edifici.


Classificazione delle attività economiche ATECO:
L’ATECO è la classificazione delle attività economiche adottata dall’Istat per finalità statistiche cioè per la produzione e la diffusione di dati statistici ufficiali. La gestione della classificazione è affidata all’Istat nelle diverse fasi di aggiornamento alle quali è sottoposta sia a livello nazionale che internazionale. A livello nazionale, la classificazione è utilizzata anche per altre finalità di natura amministrativa (ad esempio fiscali).
Fonte: Istat

Scelta della forma giuridica

Aprire un'impresa di pulizia presuppone la scelta della forma giuridica: la tua impresa di pulizia può essere avviata nella forma di impresa individuale ma, se pensi di voler affrontare questa avventura con altre persone, puoi sempre optare per una forma giuridica di tipo societaria. In Italia sono diverse le forme giuridiche. Puoi scegliere tra società di persone e di capitali.

Cosa cambia?

Tanto:

  1. innanzitutto i costi: alcune forme giuridiche sono più costose di altre;
  2. gli adempimenti amministrativi: in base alla forma giuridica cambiano i rapporti con il fisco e con la contabilità;
  3. la responsabilità nei confronti di terzi: utilizzando alcune forme giuridiche rispondi con il tuo patrimonio personale; con altre, invece, il rischio è limitato al capitale sociale conferito.

Scelta del regime contabile

A incidere sull'entità dei costi e su obblighi e adempimenti che l'impresa deve portare a termine è anche la scelta del regime contabile. Tale scelta influisce anche sul metodo di calcolo delle imposte. Se vuoi aprire una ditta di pulizie devi sapere che il nostro ordinamento prevede, in linea generale, tre differenti regimi:

  1. regime ordinario;
  2. regime semplificato;
  3. regime forfetario.

Quello su cui sarà opportuno concentrare il focus è indubbiamente il regime forfetario perché, fra tutti, è il più conveniente sotto il profilo fiscale. Prevede, infatti, una tassazione al 15%, ulteriormente ridotta al 5% per i primi anni, e applicata su un volume d'affari calcolato forfettariamente. Affinché un'impresa di pulizia possa adottare tale regime è necessario che abbia un fatturato inferiore a 65mila euro e spese per il personale fino a 20mila euro.

È interessante la possibilità che offre il regime forfetario di aprire un'attività mentre si lavora. In questo modo potrai aprire un'impresa di pulizie mantenendo, comunque, il tuo rapporto di lavoro dipendente (almeno fino a quando l'impresa supera la fase di startup).

La normativa, tuttavia, prevede anche una serie di limitazioni per chi vuole adottare il regime forfetario. Se vuoi approfondire l'argomento ti rimando alla lettura dell'ebook Guida all'avvio di un'impresa.

Altre attività da aprire nel 2022

Sei alla ricerca di nuove idee per avviare un nuovo business e metterti in proprio? Eccoti allora un elenco di attività e di idee che puoi avviare immediatamente:

ARTICOLI CORRELATI

Argomenti: 

Aggiungi un commento